Home Articoli HP A Torino la prima caffetteria vegetale: colazione senza brioche

A Torino la prima caffetteria vegetale: colazione senza brioche

SHARE
Tempo di lettura: 2 minuti

A Torino la prima caffetteria vegetale: in pieno centro un locale in cui le brioches sono bandite, colazione con alimenti alternativi

Ha aperto a Torino la prima caffetteria vegetale.
Agli inizi dello scorso mese di ottobre lo chef Antonio Chiodi Latini ha inaugurato la sua Caffetteria vegetale integrale.
La nuova Caffetteria sorge in via Bertola, quasi all’angolo con via Pietro Micca.
Il protagonista del locale è il mondo vegetale con un’offerta unica sul territorio italiano.
La proposta della caffetteria andrà dalla mattina alla sera.
Esattamente un anno fa lo chef Chiodi Latini aprì il ristorante Chiodi Latini New Food, in via San Quintino.
L’idea di cucina del cuoco torinese è un tipo di cucina buona, sana e capace di mettere al centro il gusto anche nelle preparazioni a base vegetale
L’attività del ristorante prosegue con la sua offerta bistrot e gourmet sotto la guida di Chiodi Latini senior, mentre Stefano, il figlio dello chef, si occupa della Caffetteria.
La squadra del nuovo locale conta sullo chef Stefano Chiodi Latini, la pasticcera Alessia Semeraro e da Marco Tesconi, ex Lavazza, che con la sua ventennale esperienza nel mondo del caffè si occuperà della gestione del bar caffetteria.
Nella nuova Caffetteria vegetale integrale, il caffè è sia ingrediente della cucina che protagonista delle colazioni con diverse blend di arabica e robusta e piccole guest roastery.
Il locale ha un’anima pop dove l’alta qualità dei prodotti incontra prezzi nella media che permettono di mangiare a pranzo o cena con 15 euro.
Novità importante è la cucina sempre aperta, dal mattino alla sera. I clienti possono ordinare tranquillamente un risotto al mattino o un piatto di spaghetti alle 17. La proposta offerta dal locale è sempre valida, tutto il giorno.
Inoltre, l’anima bistrot del locale dà ai propri clienti la possibilità di assaporare i piatti della cucina di Chiodi Latini New Food nonché i cocktail serali realizzati con spezie e fermentazioni.
Ma la caffetteria a stupisce con la sua nuova proposta di colazione: il cappuccino viene preparato solo con acque vegetali di soia, mandorla, riso e avena. Ovviamente non ci sono le brioches, ma torte all’acqua, biscotti e pasticceria vegetale nonché proposte salate come i panini in stile Turineisa o i primi piatti.
Infine, nell’offerta della Caffetteria non mancano gli estratti e i gelati di frutta e verdura e la floccatrice per preparare la propria avena.
Dunque, a Torino c’è la prima caffetteria vegetale: riusciranno i torinesi a rinunciare all’amato croissant?
(Foto tratta da Gambero Rosso)


Commenti

Correlato:  10 luoghi da vedere in Piemonte se sei un turista (e non)