Home Articoli HP “Ronaldo a passeggio per le vie del centro”: caos in centro e...

“Ronaldo a passeggio per le vie del centro”: caos in centro e zona stadio, ma era solo il sosia

3034
SHARE

“Ronaldo a passeggio per le vie del centro”: urla, caos e deliri in centro e zona stadio, ma era solo il sosia

Si è scatenato il caos per la notizia di Ronaldo a passeggio per le vie del centro.
Nella giornata di ieri, infatti, si era diffusa la notizia del transito del fuoriclasse portoghese per le vie e le piazze della città. Non soltanto nei luoghi più aulici, ma anche nella zona dell’Allianz Stadium.
Ed ecco che allora, il numero 7 bianconero è stato letteralmente preso d’assalto dai tifosi, in cerca di un autografo o di una foto. Si sono scatenati caos e deliri, sia in centro che nei pressi dello stadio. Tutto normale, se non fosse che quello che era a passeggio non era il vero Ronaldo, bensì il suo sosia.
In città, infatti, è giunto Gianfranco Sanguinetti. Ha 35 anni, è di Genova e di lavoro fa il personale trainer e da anni è riconosciuto come sosia di CR7.
Come racconta lo stesso Sanguinetti, l’idea di somigliare in tutto e per tutto a Cristiano Ronaldo è nata nel 2006. La grande somiglianza nei tratti fisici lo hanno portato a imitarne anche le movenze ed essendo anche madrelingua spagnolo è riuscito a calarsi alla perfezione nel ruolo.
Sanguinetti è in città per girare un servizio della trasmissione sportiva della Rai Sport chiamata “Dribbling“.
Così, con l’occasione, è riuscito a ritagliarsi uno spazio per visitare Torino e le sue bellezze. Passando per la città, però, si è trovato a fare i conti con una situazione “da vip”, a cui comunque è ormai abituato, vista la sua funzione di sosia.
C’è inoltre da segnalare, tra le ragazze impazzite e i ragazzi trepidanti per foto e autografo, una signora che, abbracciando Sanguinetti, prima scoppiata in lacrime e poi si è addirittura sentita male. È svenuta ed è stata portata via dal marito dopo un mancamento.
Insomma, a Torino non si è ancora placata la CR7 mania, con i tifosi che ora vanno a caccia del loro giocatore preferito, sapendo che si aggira per ristoranti e vie della città.
(Foto tratta da Il Nuovo Levante)

Commenti

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here