Home Articoli HP Turismo, in Piemonte è boom di turisti stranieri: i laghi e le...

Turismo, in Piemonte è boom di turisti stranieri: i laghi e le Valli di Lanzo tra le attrattive più amate

1388
SHARE
Tempo di lettura: 2 minuti

Turismo, in Piemonte è boom di turisti stranieri

Anche per quest’anno il bilancio dell’andamento del turismo, in Piemonte, è più che positivo.
Nonostante un inizio di stagione incerto causato dal maltempo, nel resto della stagione il numero delle presenze è cresciuto.
In alcune aree, si attendono flussi considerevoli di visitatori anche per la fine di agosto e per il mese di settembre.
Secondo i dati di Turismo Torino e Provincia e dalla Camera di Commercio di Torino, nel capoluogo piemontese e nella provincia, l’occupazione alberghiera risulta in crescita di oltre il 4% rispetto al 2017.
Tra le mete che hanno subito un notevole incremento di turisti, soprattutto stranieri, troviamo le Valli di Lanzol’Alta Valle di Susa, la Val Chisone, le valli del Canavese e il versante nostrano del Parco Nazionale del Gran Paradiso.
I dati diffusi dalla Regione incoronano le Valli di Lanzo come meta che ha registrato il maggiore incremento delle presenze: ben il 10% in più rispetto allo scorso anno.
Turismo in crescita anche per la Via Francigena, che ormai viene percorsa non solo dai pellegrini, ma anche da coppie e famiglie.
Questo boom di turisti stranieri, in arrivo soprattutto da FranciaGermaniaOlandaBelgioSvizzera e Spagna, ha toccato tutte le province delle regione.
Nelle province di Cuneo e di Vercelli sono state le montagne a farla da padrona.
Un’altra attrattiva dei nostri territori sono i laghi. Le Isole Borromee chiuderanno la stagione il 21 ottobre e le prenotazioni presso le strutture del territorio registrano già il tutto esaurito anche per i mesi di settembre e ottobre.
Grande successo anche per la provincia di Biella, che tra il lago di Viverone e il Santuario di Oropa ha registrato una massiccia presenza di turisti stranieri.
Continua il trend positivo di presenze per Langhe e Roero, ma l’offerta turistica culturale ed enogastronomica ha avvantaggiato anche le province di AlessandriaAsti e Novara.
L’assessora regionale alla cultura e al turismo, Antonella Parigi, ha dichiarato che la Regione investe fortemente nelle valli e nella ricca offerta di attività all’aria aperta che si sono rivelati fattori fondamentali per l’attrattività turistica regionale nei mesi estivi.
Tra le attività all’aria aperta su cui punta la Regione per attirare turisti troviamo il cicloturismo, anche con e-bike per la pedalata assistita, impianti di risalita, golf, sport acquatici quali il wakeboard e lo sci nautico.
A tutto ciò si affianca anche un ricco calendario di di eventi e festival, anche di rilievo nazionale ed internazionale, diffusi su tutto il territorio. Un’offerta sempre più importante e capace di attrarre visitatori fino alla fine dell’estate con un notevole lavoro di destagionalizzazione dei prodotti turistici della nostra regione con l’obiettivo di rendere il Piemonte una meta turistica perfetta per tutto l’anno.
Dunque, il turismo, in Piemonte continua a dare segnali positivi confermando la nostra regione come meta turistica sulla scena nazionale ed internazionale.
(Foto tratta da turismonellevallidilanzo.it)


Commenti

Correlato:  Il Miracolo di Santa Rita
SHARE