Home Articoli HP Palazzo delle Ombre a Torino, edificio pittoresco nel cuore del Quadrilatero

Palazzo delle Ombre a Torino, edificio pittoresco nel cuore del Quadrilatero

8680
SHARE
Palazzo delle Ombre a Torino, edificio pittoresco nel cuore del Quadrilatero
Palazzo delle Ombre a Torino, edificio pittoresco nel cuore del Quadrilatero
Tempo di lettura: 1 minuto

Passeggiando per le vie del centro storico, in una piazzetta, spicca un edificio diverso dagli altri: si tratta del Palazzo delle Ombre a Torino.

I fantasmi c’entrano niente. Gli spiriti non fanno parte di questa storia. Il Palazzo delle Ombre a Torino si trova in piazzetta Andrea Viglongo, a pochi passi da via Bertola e dal Palazzo della Luce. L’installazione è stata realizzata dall’artista newyorkese Nancy Dwyer, vincitrice del concorso “Pareti ad Arte” nel 1998 ed è stata posizionata nel 2001.

Quest’opera è intitolata “Waves of wanting” e rappresenta la scritta PIÙ in cinque lingue diverse (francese, italiano, spagnolo, inglese, tedesco). Grazie al sole questa installazione crea un gioco perfetto di luce ed ombra. Da notare, inoltre, come quest’edificio con la sua opera si leghi perfettamente all’ambiente circostante.

Mehr, More, Mas, Più, Plus

Ci sono due diverse “ondate” ripetute tre volte alternativamente a fare sei totale per questa posizione. Ognuno è di circa 5 metri e mezzo di larghezza, fatto di strisce di lamiera di alluminio 5 millimetri di spessore che è di circa 50 centimetri di profondità.

Quali son state le parole dell’artista quando ha pensato a quest’opera? “Trattando l’architettura d’esterni di Torino come un equivalente della nostra consapevolezza collettiva, queste onde in alluminio creano ombre sul muro che rivelano la parola “più” in cinque lingue, ripetute più e più volte.”

Correlato:  L'apericena a Torino si fa in canoa: spopola InBarcaTo!

In questi giorni di relax vi consigliamo di recarvi in questa piazzetta poco distante dalla pittoresca via Stampatori e fotografare questo edificio particolare della nostra meravigliosa città.

(credit foto: picbear)



Commenti