Home Arte Svelato il segreto dell’immortalità studiando una mummia del Museo Egizio di Torino

Svelato il segreto dell’immortalità studiando una mummia del Museo Egizio di Torino

4805
SHARE
Svelato il segreto dell'immortalità studiando una mummia del Museo Egizio di Torino
Svelato il segreto dell'immortalità studiando una mummia del Museo Egizio di Torino
Tempo di lettura: 1 minuto

Una mummia del Museo Egizio di Torino presa come caso di studio da alcuni archeologi avrebbe rivelato la ricetta dell’immortalità egizia.

I ricercatori dell’Università di York hanno condotto uno studio approfondito analizzando una mummia del Museo Egizio di Torino. Analizzando i processi di mummificazione sono arrivati a definire gli ingredienti dell’immortalità egizia. Grazie ad accurati test chimici eseguiti nei laboratori di medicina forense su questa mummia, risalente al 3.700-3.500 a.C., è stato possibile elaborare l’impronta digitale chimica di ogni componente della più antica forma di imbalsamazione.

Quali sono gli ingredienti?

La ricetta di base comprendeva:

  • olio vegetale (probabilmente olio di sesamo);
  • estratto di radice tipo “balsamo” (proveniente forse dai giunchi;
  • gomma a base vegetale, zucchero vegetale estratto dall’acacia;
  • resina di conifera (probabilmente di pino).

Concentrandoci proprio su questo ultimo ingrediente, il più importante, se mescolato con l’olio conferirebbe proprietà antibatteriche che proteggono il corpo dalla decomposizione.

Insomma, a quanto pare il segreto dell’immortalità egizia è ancora argomento attuale per gli studio di tutto il mondo. Ancora oggi, le mummie nascondono tasselli essenziali per completare il puzzle di questa straordinaria epoca che ha creato, inventato materiali e oggetti che utilizziamo da sempre.

Non trovate anche voi che nessuno muore veramente se c’è ancora qualcuno che studia, parla, analizza e scopre nuovi dettagli? La mummia del Museo Egizio di Torino probabilmente è una tra le tante mummie in tutto il mondo a nascondere i segreti più reconditi della storia.

Correlato:  Salone del Libro di Torino 2018, all'International Book Forum già registrati 300 iscritti

Per avere maggiori dettagli, i risultati sono pubblicati sul Journal of Archaeological Science.



Commenti