Home Articoli HP Piazza Vittorio e l’illusione ottica che ne salvò lo skyline: ce ne...

Piazza Vittorio e l’illusione ottica che ne salvò lo skyline: ce ne parla la nostra House Hunter Laura Polesinanti

2364
SHARE
Tempo di lettura: 1 minuto

Piazza Vittorio e la strada in pendenza tra via Po e il ponte Vittorio Emanuele: ci spiega come è stato risolto questo problema la nostra House Hunter Laura Polesinanti

Quando ci troviamo in piazza Vittorio, non si sa davvero dove soffermare lo sguardo. Girando su noi stessi a 360 gradi ci incantano la Gran Madre, il Monte dei Cappuccini, la collina, lo scorcio che lungo via Po fa intravedere piazza Castello, i portici e gli eleganti palazzi.
Piazza Vittorio fu progettata agli inizi del 1800 da Giuseppe Frizzi, un giovane architetto. Frizzi vinse il concorso per la costruzione della piazza grazie alla maestria con cui affrontò le criticità che rendevano il progetto particolarmente arduo.
Innanzitutto la piazza doveva risultare naturale foce della già esistente via Po. Quindi doveva essere in asse con la via e gli edifici avere caratteristiche di continuità e armonia rispetto a quelli preesistenti. Ma la peculiarità dell’area era, ed è tutt’oggi,  il dislivello di più di 7 metri tra il ponte e via Po. Camminando con passo deciso in questo tratto ci si accorge della pendenza perché il respiro diventa affannoso. Ed è proprio in virtù di questa pendenza che, quello che nel XVIII secolo era uno spazio aperto, veniva utilizzato come piazza d’armi: l’effetto scenico delle adunate era più efficace.
Il giovane architetto Frizzi mascherò l’imperfezione realizzando delle vie trasversali alla piazza. In questo modo gli edifici risultano suddivisi a tratti e quindi lo skyline non rivela la pendenza. Allo stesso tempo i terrazzi al primo piano nobile che collegano i palazzi preservano la continuità della cornice laterale della piazza.
In più l’ardito Frizzi collocò in posizione avanzata alcune facciate per produrre l’illusione ottica che i palazzi fossero alla stessa altezza.
Piazza Vittorio è proprio unica. Il primato per le sue dimensioni è ben noto a tutti i torinesi. Il panorama che offre è sotto gli occhi di chiunque la attraversi. Il gioco di prospettiva e illusione ottica è forse meno noto, ma, una volta scoperto, è impossibile fare a meno di soffermarsi a rilevarne gli espedienti!
A cura di Laura Polesinanti, House Hunter ed intermediaria immobiliare


Commenti

Correlato:  Cultura, avviata una nuova collaborazione tra la Reggia di Venaria e la Reggia di Caserta