Home Articoli HP Nuove indiscrezioni sull’acquisizione di FCA da parte di Hyundai: il piano del...

Nuove indiscrezioni sull’acquisizione di FCA da parte di Hyundai: il piano del fondo Elliott

137408
SHARE

Nuove indiscrezioni sull’acquisizione di FCA da parte di Hyundai: il piano del fondo Elliott, già protagonista delle vicende Milan e Tim

Emergono nuove indiscrezioni sulla possibile acquisizione di FCA da parte di Hyundai.
La notizia della possibile cessione del colosso dell’automotive aveva scosso il mondo dell’economia alla fine dello scorso mese di giugno. Una voce che era stata diffusa dall‘Asian Times, e che era stata oggetto di smentite e di aperture da parte dei vertici delle parti chiamate in causa.
La morte di Sergio Marchionne ha però rinviato ogni discorso. L’azienda si è stretta attorno al manager abruzzese e ha disposto il cambio del timone per numerosi marchi.
Una rivoluzione che ha portato Michael Manley alla guida del gruppo in qualità di amministratore delegato di Fiat Chrysler Automobiles. La sua promozione è avvenuta a scapito di Alfredo Altavilla, vero e proprio delfino di Marchionne. Ed è proprio Altavilla l’indiziato per svolgere un ruolo chiave in questa trattativa tanto ipotetica quanto epocale.
 
Stando a quanto riportato da Il Giornale nei giorni scorsi (edizione del 4 agosto 2018), Altavilla, che curava le attività europee di FCA, lascerà quest’ultima il prossimo 31 agosto. Una decisione sofferta, necessaria per dedicarsi al suo ruolo di manager di punta di Tim.
 
Il suo nuovo ruolo è stato formalizzato con la volontà di Elliott e la benedizione di Sergio Marchionne. Questo perché Elliott ha messo le mani prima su Tim, e poi sul Milan. Il fondo, proprio tramite la squadra milanese, ha anche già avuto contatti con gli ambienti della famiglia Agnelli, con gli scambi di calciomercato che hanno portato in bianconero Leonardo Bonucci e in rossonero Mattia Caldara e Gonzalo Higuain.
 
Elliott, come detto anche in precedenza, è detentore dell’1,5% del valore di Hyundai-Kia. La sua presenza ha creato non pochi dissidi nella riorganizzazione in Europa del gruppo coreano. Il peso di Elliott, inoltre, pare essere destinato a crescere sempre di più all’interno della casa automobilistica asiatica.
Nelle intenzioni di Paul Singer (proprietario del fondo) c’è la spinta di Hyundai a una collaborazione con FCA per i veicoli con motorizzazioni green, nei quali i coreani sono specializzati e per i quali Fiat Chrysler Automobiles sta ancora lavorando con strumenti inadeguati.
Inizialmente, dunque, Altavilla farebbe da tramite per una collaborazione in Europa tra FCA e Hyundai-Kia, per rafforzare la presenza nel Vecchio Continente del marchio. Dopodiché, in un futuro non troppo lontano, l’ex delfino di Marchionne potrebbe agevolare le negoziazioni tra Elliott ed Exor proprio per l’acquisizione di FCA.
Uno scenario che è molto più concreto di quanto si possa pensare. Al momento, mancano le conferme ufficiali, anche se le smentite non sono mai state troppo convinte. Occorre dunque osservare gli sviluppi futuri, per vedere come verrà affrontata la situazione nei prossimi mesi.
(Foto tratta da LaPresse)

Commenti

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here