Home Articoli HP Torino, Parma #33 il curioso palazzo impermeabile!

Torino, Parma #33 il curioso palazzo impermeabile!

583
SHARE
Torino, Parma #33 il curioso palazzo impermeabile!
Torino, Parma #33 il curioso palazzo impermeabile!

Torino, Parma #33 sapete cos’è? Il primo esito materiale di VOLUMI, programma di recupero urbano curato da Bottega Studio Architetti e Francesca Referza.

Qual è l’idea del progetto? Si vuole sviluppare un’architettura meno monumentale e scenica, ad una dimensione più umana e più vicina. Insomma, una valida alterativa ai costosi macroprogetti che caratterizzano il nuovo secolo.

VOLUMI seleziona alcuni edifici poco belli esteticamente o di scarso valore storico, anonimi e abbandonato da molto tempo e li trasforma in opere di arte contemporanea.

Lo scopo è quello di reintegrare nella vita di tutti i giorni quei palazzi che progressivamente son scomparsi dagli itinerari non tanto turistici ma degli abitanti dei quartieri. Questo è un modo per riempire i vuoti urbani, coinvolgendo i contesti circostanti.

L’edificio sito in via Parma #33 (inaugurato il 25 settembre 2009) non è più un contenitore di persone, appartiene alla città e interagisce con l’ambiente. Si è deciso di progettare una sorta di pelle che avvolge l’edificio, interpretandone i volumi, e conferendo un’immagine totalmente rinnovata e una nuova identità. L’intervento sulla facciata, con l’applicazione di questa pelle esterna, è stato considerato dalla Commissione di Arte pubblica di Torino e dall’Assessorato alla Cultura come un’opera d’arte pubblica.

Com’è fatto l’edificio?

Esso è interamente rivestito da una lamiera in corten: muri, balconi, tetto e abbaini. Il tutto stabilisce una continuità di stile e materia con gli edifici adiacenti. Che cos’è la lamiera in corten? Essa è una pelle permeabile: l’acqua passa attraverso, interagisce con i fenomeni di ossidazione del materiale, li implementa modificandone continuamente l’aspetto. Praticamente è una facciata viva e mutevole.

Insomma è un edificio nuovo, in una zona che molti stanno rivalutando e che sembrerebbe avere più un valore affettivo per coloro che abitano intorno che un valore economico.

(credit foto: archilovers)

Commenti

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here