Home Articoli HP Maria Pia Hospital di Torino, salvato un anziano con un intervento al...

Maria Pia Hospital di Torino, salvato un anziano con un intervento al cuore senza incisioni

1046
SHARE

È stato salvato un anziano con un doppio intervento al cuore senza incisioni: l’operazione al Maria Pia Hospital di Torino

Al Maria Pia Hospital di Torino è stato salvato un anziano con seri problemi al cuore, grazie a un doppio intervento senza incisioni.
Nello specifico, è stata salvata la vita di un paziente di 80 anni, che aveva da tempo difficoltà di respirazione e presentava una ricorrente spossatezza.
Una volta giunto presso la struttura di strada Mongreno, l’uomo si è sottoposto a dei controlli. Gli esami hanno evidenziato un grave scompenso, dovuto a malattia della coronaria sinistra. Quest’ultima risultava occlusa in tre punti e calcificata. Inoltre, era presente un grande difetto nella chiusura dei lembi valvolari mitralici. Di conseguenza, il reflusso di sangue durante la contrazione del cuore era ostacolato e non e il passaggio del sangue tra atrio e ventricolo sinistro era danneggiato.
Per migliorare le condizioni di vita del paziente, l’equipe incaricata ha deciso di intervenire con una tecnica chirurgica molto complessa. L’operazione prevedeva un approccio perdutamente, da applicare senza l’ausilio di tagli cardiochirurgici e incisioni (grazie soprattutto all’ECMO, un macchinario che funge da pompa artificiale per l’ossigenazione del sangue e che consente la circolazione extracorporea). Nel dettaglio, le strumentazioni e i device necessari al cardiologo interventista sono stati introdotti con una di puntura effettuata all’altezza dell’inguine.
L’intervento, che si è articolato in due fasi (prima con la liberazione dalle occlusioni della coronaria sinistra e poi con la riparazione della valvola mitrale) è perfettamente riuscito, e i numerosi problemi sono stati quasi completamente superati.
Un’ottima notizia per la sanità torinese, che può contare, oltre che sulle attrezzatissime strutture della Città della Saluteanche su eccellenze del territorio.

Commenti

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here