Home Arte Torino, i carabinieri trovano un’opera d’arte da 2 milioni di euro di...

Torino, i carabinieri trovano un’opera d’arte da 2 milioni di euro di Pietro Piffetti

1210
SHARE
Torino, i carabinieri trovano un’opera d’arte da 2 milioni di euro di Pietro Piffetti
Torino, i carabinieri trovano un’opera d’arte da 2 milioni di euro di Pietro Piffetti

I carabinieri hanno ritrovato un’opera dell’ebanista torinese Pietro Piffetti: vale 2 milioni di euro, era scomparsa dall’Italia dal Secondo Dopoguerra

 

Pietro Piffetti è stato uno degli artisti più bravi e conosciuti nel suo settore.

 

Un grande torinese, che si è distinto, nel corso del Settecento, per le sue splendide realizzazione, che lo hanno consacrato come un grandissimo ebanista. Proprio una delle sue opere, risalente a oltre duecento anni fa, è stata recuperata dai Carabinieri del Comando Tutela Patrimonio Culturale.

 

I militari hanno rinvenuto una delle sue opere più importanti, una meravigliosa scrivania a doppio corpo con pregiati intarsi di avorio e madre perla. Uno splendore il cui valore è stato stimato in due milioni di euro.

 

Il ritrovamento è avvenuto dopo decenni di ricerca. Durante la Seconda Guerra Mondiale, infatti, l’opera non subì alcun danno, ma sparì dall’Italia. Fu venduta in maniera illecita a un cittadino e privato, per poi essere trasportata all’estero. Nel suo percorso, ha attraversato, nel corso di questi decenni, la Francia, la Svizzera e, infine, gli Stati Uniti. Negli USA, dalla fine degli Anni Novanta, ha trovato posto all’interno del Metropolitan Museum of Art di New York. Dopodiché è nuovamente scomparsa.

 

A detenere questa perla era un cittadino privato che, informato dell’accaduto, ha restituito l’opera. Un ritrovamento di inestimabile valore, che restituisce a Torino un gioiello di uno dei suoi più grandi artisti.

Commenti

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here