Home Articoli HP La Reggia di Venaria: la rinascita dopo l’abbandono

La Reggia di Venaria: la rinascita dopo l’abbandono

1102
SHARE

Reggia di Venaria, lo splendore regale dopo due secoli di abbandono

La Reggia di Venaria, uno dei capolavori dell’architettura barocca piemontese, è attualmente una delle più importanti attrazioni turistiche della nostra regione.
Dal 1997 la Reggia è una delle Residenze Sabaude parte del sito seriale UNESCO iscritto alla Lista del Patrimonio dell’umanità.
L’edificio venne progettato dall’architetto Amedeo di Castellamonte su commissione del duca Carlo Emanuele II. I lavori per la costruzione di questo gioiello architettonico durarono ben 21 anni, dal 1658 al 1679.
Dalla fine delle guerre napoleoniche fino al 1978 la struttura cadde nel baratro del degrado e dell’incuria e venne progressivamente abbandonata e dimenticata.
Infatti, durante il periodo di abbandono, negli anni Settanta, la residenza ha addirittura rischiato di essere demolita.
Prima di diventare il più grande cantiere culturale europeo grazie ad un progetto finanziato dall’Unione Europea però, la Reggia di Venaria ha conosciuto più di 200 anni di abbandono.
Ci sono voluti ben dieci anni di lavori per riportare la residenza sabauda al suo splendore.
Ad oggi, la Reggia è anche un esempio virtuoso di impiego di risorse comunitarie e di gestione di un bene comune.

Il progetto di restauro

I cantieri hanno iniziato la loro attività nel 1997 su iniziativa del Ministero dei Beni Culturali e della Regione Piemonte con il sostegno dell’Unione Europea e del Ministero dell’Economia e la collaborazione della Provincia di Torino, del Comune di Venaria e di Torino.
Hanno preso i parte ai lavori di restauro della Reggia 800 operai, 100 progettisti e 80 tecnici di settore. Il costo complessivo dell’operazione è stato di 200 milioni di euro, finanziati per la maggior parte dall’Unione Europea.
La Reggia è stata riaperta al pubblico nel 2007.
Una volta completati i lavori di recupero, l’obiettivo era far vivere gli 80mila metri quadrati della dimora sabauda con i suoi giardini. Da qui si decise di creare tre percorsi di visita sulla storia della residenza dei Savoia a cui si affiancò un ricco calendario di mostre ed eventi dedicati al teatro, alla fotografia, alla musica, alla moda, allo sport e alla gastronomia.

La Reggia oggi

Negli 2016, con oltre 1 milione di presenze, la Reggia di Venaria è entrata nella top ten (al settimo posto)  dei siti turistici più visitati a livello nazionale.
Adesso si sta discutendo per un altro progetto: allestire l’area degli Appartamenti dei Paggi. Si tratta di un’occasione spazio di 2000 metri quadrati in cui si pensa di creare un quarto itinerario di visita dedicato ai “Costruttori di bellezza”, i mestieri dell’arte del Seicento.
Attualmente, il Progetto La Venaria Reale rappresenta il più importante progetto europeo per il restauro e la valorizzazione di un bene culturale.
Grazie ai numerosi interventi finanziati con i fondi FESR è stato possibile riqualificare alcune parti del complesso architettonico, dei giardini e allestire degli spazi museali, senza dimenticare i parcheggi e gli altri servizi per l’accessibilità.
Inoltre, sono stati sistemati viali, ricostruito gli orti, allestito la Scuderia Juvarriana e costruito il Fantacasino, edificio in legno che ricorda gli antichi luoghi di svago dei parchi reali.
La Reggia di Venaria è anche green in quanto l’intero impianto di illuminazione della residenza è stato dotato di lampade a led e moderni impianti termici ed elettrici per ridurre i consumi.
Dunque, è grazie a questa importante operazione di restauro che possiamo ammirare la fantastica Reggia di Venaria, punta di diamante del turismo piemontese.
(Foto tratta da Touringclub.it)

Commenti

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here