Home Articoli HP Nasce a Torino l’app che supporta il fisioterapista a domicilio

Nasce a Torino l’app che supporta il fisioterapista a domicilio

9659
SHARE
Nasce a Torino l'app che sostituisce il fisioterapista a domicilio
Nasce a Torino l'app che sostituisce il fisioterapista a domicilio
Tempo di lettura: 1 minuto

Nasce a Torino l’app che supporta il fisioterapista a domicilio: si chiama Remo, è realizzata dalla start up Morecognition

 

Nasce a Torino l’app che supporta il fisioterapista a domicilio.

 

Questa innovazione prende il nome di Remo. Si tratta di una novità molto interessante dal punto di vista sanitario e tecnologico, poiché aiuta i pazienti a effettuare esercizi e movimenti dopo aver superato una patologia o un infortunio.

 

Questa nuova applicazione ha il principale scopo di evitare che i pazienti siano costretti ad affidarsi a un fisioterapista a domicilio per portare avanti il proprio percorso di riabilitazione. Nello specifico, Remo ascolta le esigenze del fruitore e consiglia il da farsi, non prima di aver preso nota e comunicato con specialisti a distanza.

 

Il lancio di questo prodotto è avvenuto pochi mesi fa, ma i risultati sono già soddisfacenti. Grazie al suo sistema di sensori, Remo riesce a guidare perfettamente gli esercizi per la ripresa delle condizioni fisiche e dei movimenti ottimali. Le sue qualità, per ora, sono a disposizione di coloro che necessitano di esercizi sull’avambraccio per chi è stato colpito da un ictus e per chi ha una protesi a un ginocchio. Nei prossimi mesi, l’obiettivo sarà quello di ampliare le competenze e le possibilità, per rendere maggiormente appetibile Remo sul mercato.

 

Correlato:  Big Bang, la grande festa di inaugurazione dell'Ogr, parte sabato 30 settembre

Questo progetto è stato ideato dalla start up torinese Morecognition, che fa parte dell’incubatore I3P del Politecnico di Torino. Una iniziativa sviluppata anche grazie al supporto e alla collaborazione dell’Associazione Italiana fisioterapisti e di CELI, azienda del gruppo H-Farm.

(Foto tratta da Pazienti.it)



Commenti

SHARE