Home Ambiente Le aree abbandonate di Torino ripartono dal verde: in programma progetti per...

Le aree abbandonate di Torino ripartono dal verde: in programma progetti per il rilancio di diverse zone

1238
SHARE

Le aree abbandonate di Torino saranno rivitalizzate dal verde

Sarà il verde il punto da cui ripartiranno le aree abbandonate di Torino.
Alcuni mesi fa, l’Unione Europea aveva pubblicato un bando che metteva a disposizione 10,4 milioni di euro per i Comuni che si sarebbero fatti carico di individuare un’area post industriale della città dandole nuova vita attraverso la realizzazione di nuovi spazi e infrastrutture green,
Così, il Comune di Torino ha sviluppato il progetto ProGIreg con cui ha vinto un quarto delle risorse a disposizione, due milioni e mezzo di euro circa. La restante parte degli investimenti se la sono divisa Dortmund, Zagabria e Ningbo, in Cina.
Il Comune si è concentrato nell’area sud della città e ha investito in ben 9 spazi dismessi tutti nel quartiere di Mirafiori Sud. L’amministrazione torinese ha pianificato una serie di interventi, in fase di studio da giugno, che verranno completati nell’arco dei prossimi 5 anni.
Il progetto vedrà la collaborazione con 35 partenr, tra cui Politecnico, Università di Torino, Environment Park, Orti Alti, Fondazione Mirafiori, Dual Srl e altri.

Gli interventi

La prima area che verrà interessata sarà quella superficie di 2000 metri quadri lungo il fiume Sangone, dove il terreno arido sarà trasformato in uno dei nuovi polmoni verdi della città.
Il verde che circonda il Mausoleo della Bela Rosin, invece, ospiterà piante, fiori e vegetazioni dell’epoca del Castello di Mirafiori, di cui oggi rimangono pochi resti.
Nell’ex mercato del Vov 102 verrà realizzato un giardino in cassoni, in cui i pazienti di dei centri di igiene mentale impareranno il ciclo di vita delle farfalle per poi raccontarla sotto forma di storia ai bambini delle scuole del quartiere, I capannoni Tne, invece, oltre che ospitare eventi, accoglieranno serre con coltivazioni verticali.
Nella Casa nel Parco e nel centro socio terapeutico di strada delle Cacce 36 verranno ripristinati i tetti verdi e saranno realizzati nuovi punti di accesso aperti a tutti.
Orti collettivi verranno realizzati nella Cascina Piemonte, spazi che poi saranno coltivati con l’aiuto degli inquilini delle case Atc del quartiere.
Negli istituti comprensivi Salvemini e Cairoli, sorgeranno orti in cassone.
Dunque, grazie a questo progetto, le aree abbandonate di Torino, in particolar modo quelle di Mirafiori Sud, faranno crescere il territorio del quartiere migliorando la qualità della vita dei cittadini, i quali parteciperanno attivamente alla rigenerazione urbana della loro zona.
(Foto tratta da Wikipedia)

Commenti

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here