Home Articoli HP Stupinigi Sonic Park, il nuovo festival musicale dell’estate torinese

Stupinigi Sonic Park, il nuovo festival musicale dell’estate torinese

1426
SHARE

Stupinigi Sonic Park rappresenta l’esito della nuova joint venture tra Reverse e Vertigo (una delle agenzie leader in Italia nell’organizzazione di concerti ed entertainment dal vivo) intende rafforzare la presenza in Italia di location di rilievo in cui proporre artisti internazionali e offrire un’accoglienza attenta alla soddisfazione del pubblico, con l’offerta di servizi che rendano l’esperienza dei concerti live piacevole a tutti i livelli.

Sei i concerti previsti, dal 25 giugno all’11 luglio, nell’esclusiva location del giardino interno della Palazzina di Caccia di Stupinigi, gioiello barocco nel territorio della Città di Nichelino, a 10 km dal Polo Reale nel centro di Torino.
Un’area concerti di 15mila mq open air sarà allestita per la prima volta in 300 anni di storia della residenza sabauda.

Steven Wilson (26 giugno)

La line up 2018
L’esordio di Stupinigi Sonic Park – iniziativa sostenuta dal Sistema Cultura della Città di Nichelino, con il patrocinio di Regione Piemonte e Camera di Commercio di Torino – è contrassegnato da generi musicali diversi e da artisti che hanno scelto di elevare la qualità delle location scelte per i propri concerti, grazie a una specifica attenzione per la fonica e gli effetti speciali.
Si parte il 25 giugno con il live di Jeff Beck, il quinto chitarrista migliore al mondo secondo Rolling Stone; si prosegue la sera successiva con Steven Wilson. Il 29 giugno, a oltre un anno dall’uscita di Lost on You, torna in Italia LP, la cantautrice americana rivelazione del 2016. Spazio anche ad artisti italiani, come Negrita + Kiol (5 luglio) e  Caparezza (9 luglio). Chiusura in grande stile con i Deep Purple (11 luglio), pionieri dell’hard rock, inseriti nella Rock and Roll Hall of Fame.

Deep Purple (11 luglio)

Per ogni concerto il giardino della Palazzina di Caccia di Stupinigi avrà un assetto di posti ad hoc per una fruizione più adatta alle diverse tipologie di musica.

Patrimonio dell’Unesco dal 1997, la residenza fu commissionata nel 1729 da Re Vittorio Amedeo II a Filippo Juvarra, quale luogo di festa in occasione delle grandi battute venatorie, il cui simbolo è il cervo di bronzo che sovrasta la cupola centrale.
Nel giardino interno, realizzato dal 1740 dal garden designer Michael Bernard, tra esemplari secolari di querce, verrà allestito un palco di 300 mq.
La valorizzazione della location del festival, area coperta da tutela della Sovrintendenza dei Beni Culturali, ha previsto una serie di interventi dedicati alla protezione del patrimonio arboreo e faunistico esistente, tra cui la ristrutturazione dei cancelli storici e la manutenzione degli alberi secolari.

La location verrà dotata di una speciale area food, con un menu curato da Claudia Fraschini Cookin’ Factory, creato con prodotti di produttori locali, in un’ottica friendly e confortevole che nasce da quel tipo di cucina “che parla al cuore”: stuzzicherie, fingerfood e frutta fresca, piatti più sostanziosi in abbinamento a birre artigianali.

Stupinigi Sonic Park rientra nelle iniziative promosse da Piemonte dal Vivo e dal Consorzio Residenze Reali Sabaude nel cartellone di Palchi Reali per l’estate 2018.

Commenti

SHARE
Previous articleSanità, il Piemonte migliora la qualità e la sicurezza: lo rivela Prevale Piemonte
Next articleTorino combatte la violenza sulle donne con un nuovo progetto
Laureato in Scienze della comunicazione con un Master in Informazione, New Media e comunicazione plurimediale, conseguito nel 2012. Giornalista pubblicista, grande appassionato di teatro, inizia a frequentarlo come spettatore, e dal 2003 in qualità di operatore dell’informazione e critico teatrale, collaborando con numerose testate e webzine di settore, specializzandosi soprattutto nel teatro musicale. Giornalista pubblicista, è inoltre membro dell’Associazione Nazionale Critici di Teatro e fa parte della giuria di PrIMO, il Premio italiano per il musical originale, ideato da Franco Travaglio.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here