Home Articoli HP Olimpiadi 2026, il Coni vuole l’accordo Torino – Milano: le due città...

Olimpiadi 2026, il Coni vuole l’accordo Torino – Milano: le due città dicono “no”

328
SHARE

Olimpiadi 2026, il Coni vuole l’intesa tra Torino – Milano

In questi ultimi mesi uno dei temi caldi in città è quello che gira in torno alla candidatura del capoluogo piemontese per l’organizzazione delle Olimpiadi 2026.
Il 10 luglio prossimo il Coni dovrà scegliere la candidatura italiana che verrà presentata al Cio. Proprio in quest’ottica continua il braccio di ferro tra Torino e Millano.
Da una parte c’è Torino che ha voglia di ripetere la straordinaria esperienza delle Olimpiadi Invernali del 2006. Dall’altra c’è Milano, una città che si sta affermando sempre più sulla scena internazionale e che punta a sostenere la candidatura del capoluogo lombardo e della Valtellina.
Il presidente del Coni Giovanni Malagò pensava di presentare una candidatura con Milano protagonista e Torino che funge da appoggio esterno.
In merito a questa ipotesi, undici Comuni, tranne Torino, si sono riuniti presso lo studio dell’architetto Alberto Sasso, autore del pre dossier, per discutere di questa proposta del Coni.
Dal dibattito è emerso che la doppia candidatura penalizzerebbe notevolmente Torino, ed è stata ribadita la contrarietà a questa ipotesi.
Sasso, in seguito a questa riunione, dovrà fare visita agli impianti montani per poter completare il dossier che dovrà essere pronto per il 3 luglio.
Il Coni dovrà scegliere la candidatura migliore affinchè il Cio scelga l’Italia. Sul fronte torinese affermano che la proposta del capoluogo piemontese è migliore perchè risponde a tutti i requisiti indicati dal Cio, soprattutto per quanto riguarda l’aspetto economico.
Dunque, la questione Olimpiadi 2026 è tutt’altro che risolta. La partita è ancora aperta, ma tra meno di un mese il Coni troverà una soluzione e la contesa sarà archiviata.

Commenti

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here