Home Articoli HP Continua l’emorragia di negozi storici a Torino: dopo 81 anni chiude Olympic

Continua l’emorragia di negozi storici a Torino: dopo 81 anni chiude Olympic

47097
SHARE
Continua l’emorragia di negozi storici a Torino: dopo 81 anni chiude Olympic
Continua l’emorragia di negozi storici a Torino: dopo 81 anni chiude Olympic
Tempo di lettura: 1 minuto

Continua l’emorragia di negozi storici a Torino: Olympic saluta piazza San Carlo dopo 81 anni di attività

 

Prosegue l’emorragia di negozi storici a Torino. Questa volta, a chiudere i battenti è Olympic, che abbassa le serrande di entrambi i locali di piazza San Carlo.

 

L’azienda, fondata nel 1937, vide la luce per la prima volta in un locale di piazza Vittorio Veneto. Nel 1962 avvenne lo spostamento, con l’apertura di due punti vendita dedicati rispettivamente all’abbigliamento degli adulti e dei bambini. Un marchio di un certo spessore, che si rivolgeva a un target medio-alto.

 

Dopo una vita dedicata a Olympic, il vecchio titolare, Francesco Di Masi, ha lasciato i locali nelle mani del figlio Luca. Quest’ultimo, già presidente della squadra Alessandria Calcio, ha però scelto di non portare avanti l’attività, nonostante la recente scomparsa proprio di Francesco Masi.

 

La decisione di chiudere questi due punti di riferimento dello shopping del centro sembra essere definitiva. Il titolare, infatti, ha comunicato la sua intenzione di portare a termine la chiusura entro e non oltre la primavera del 2019. Una decisione che non pare possa essere messa in discussione, poiché i 25 dipendenti dell’azienda sono stati già messi al corrente della volontà dei vertici. Pertanto, avranno quasi un anno di tempo per cercarsi un altro impiego.

Correlato:  Le fontane di Torino danneggiate e guaste: problemi in diversi parchi cittadini

 

Una triste notizia, che giunge immediatamente dopo le chiusure di altri splendidi e storici locali delle vie centrali della città. Uno spopolamento di attività che hanno da sempre caratterizzato il cuore di Torino, vittima di un processo sempre più radicato di spersonalizzazione, che prosegue ormai da molti anni.

 

(Foto tratta da Idressitalian.com)



Commenti

SHARE