Home Articoli HP Torino, la macchina tappabuche torna in azione: interventi previsti sulle strade di...

Torino, la macchina tappabuche torna in azione: interventi previsti sulle strade di diverse zone della città

1105
SHARE
Torino, la macchina tappabuche torna in azione: interventi previsti sulle strade di diverse zone della città
Torino, la macchina tappabuche torna in azione: interventi previsti sulle strade di diverse zone della città

Torino, la macchina tappabuche tornerà in azione: la speciale macchina sistemerà le strade di tutte le zone della città

 

Torino, la macchina tappabuche tornerà in azione.

 

L’Assessorato alla Viabilità ha dato il via libera all’impiego dello speciale macchinario, che avrà il compito di risistemare il manto stradale. Gli interventi saranno effettuati in tutte le zone della città, con tempistiche molto ristrette, grazie alle funzionalità del mezzo.

 

Nello specifico, la macchina pulisce le buche con un getto d’aria compressa e, in seguito, rimuove il pietrisco. Dopodichè, il serbatoio miscela a caldo il materiale che sarà utilizzato per il riempimento, che viene poi compattato e livellato dagli operai. Con questa tecnica sarà possibile riparare tra le 130 e le 150 buche al giorno, a seconda dei punti in cui si opererà.

 

La decisione di Palazzo Civico è stata dettata dalla necessità di rispondere alle segnalazioni e alle lamentele di pedoni, automobilisti e motociclisti, che quotidianamente si trovano a fare i conti con i pericoli dell’asfalto. Per dotarsi di questo innovativo apparecchio dovrebbe servire una cifra vicina ai 200mila euro. Una somma elevata, che però potrebbe essere recuperata velocemente, soprattutto per i risparmi garantiti in futuro per le operazioni di questo genere.

 

Gli esperimenti precedenti in città

 

Torino, la macchina tappabuche era già stata sperimentata in precedenza.

 

Il primo test del macchinario fu effettuato nel 2014. In quell’occasione, a beneficiare dell’intervento fu il controviale di corso Regina Margherita. Fu rimesso a nuovo il tratto tra corso Galileo Ferraris e via Carlè in circa mezz’ora. Un ottimo risultato, che eliminò la sensazione di pessimismo che si respirava circa questa modalità di intervento. Un esito positivo, che spinse il Comune a riproporre la macchina nel febbraio del 2016.

 

A fine 2017, inoltre, toccò alla Circoscrizione 5, che riuscì a beneficiare delle potenzialità di “Turbo 5mila“, l’attrezzo costruito da Combicons.

 

Insomma, Torino si appresta a combattere una delle problematiche più sentite dagli automobilisti torinesi. Un mezzo adeguato per porre fine ai disagi e alle proteste, che da troppo tempo sono all’ordine del giorno.

Commenti

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here