Home Articoli HP Torino, il Cacao lascia il Valentino per sempre: lo storico locale smantellato...

Torino, il Cacao lascia il Valentino per sempre: lo storico locale smantellato da operai e ruspe

6450
SHARE
Torino, il Cacao lascia il Valentino per sempre: lo storico locale smantellato da operai e ruspe
Torino, il Cacao lascia il Valentino per sempre: lo storico locale smantellato da operai e ruspe

Torino, il Cacao lascia il Valentino dopo vent’anni: operai e ruspe smantellano il locale

 

A Torino, il Cacao sta lentamente abbandonando il Parco del Valentino.

 

Gli operai sono entrati in azione nell’area e, con ruspe e attrezzi, hanno raso al suolo la struttura. Il triste epilogo è giunto dopo una lunga e tormentata contesa, che ha visto i vecchi gestori (la società Kronos) uscire sconfitti. Le richieste di rinnovo della concessione non hanno cambiato il parere del Comune, che ha imposto la chiusura dei vecchi accordi a causa delle irregolarità presentate dalla discoteca.

 

Con l’addio del Cacao se ne va un pezzo di storia della movida torinese. Un locale che ha intrattenuto i torinesi per vent’anni e che, stando a quanto affermato dai rappresentanti della Kronos, potrebbe sorgere da un’altra parte, sempre nella nostra città.

 

Nel mentre, la società incaricata della gestione ha deciso di portare via dal locale tutti gli arredi. Sono state smontate le casette bar, frighi, pilastri, tavoli, sedie, cucina e bancone. Inoltre, sono stati tolti i quadri elettrici e gli impianti audio. Tutto, tranne il palco e le palme, sarà spostato, poiché vecchi e nuovi gestori non hanno trovato l’accordo per la compravendita.

 

Il futuro del locale

 

Come è stato anticipato in questi giorni, la concessione provvisoria del locale è stata affidata a Roberto Pasquettaz. L’imprenditore, che ha già rilanciato il Patio e che porta avanti con successo altri locali, dovrebbe ottenere la conferma ufficiale dal Comune tra due settimane.

 

Sicuramente, il locale cambierà nome, e necessiterà di un restyling in tempi celeri, anche perché la concessione non durerà più di un anno e mezzo. Presto, infatti, gli spazi interessati saranno destinati al progetto del nuovo Campus di Architettura.

 

Ci vorrà del tempo per ricostruire e rimettere a norma impianti e struttura. Nella migliore delle ipotesi, il complesso dovrebbe essere riaperto sul finire dell’estate, anche se non ci sono tempistiche certe.

 

Sulla situazione e sugli scenari futuri sarà fatta chiarezza nei prossimi giorni. Molti torinesi attendono un nuovo e interessante progetto e un punto di riferimento per la movida del futuro.

 

(Foto tratta da Papido.it)

Commenti

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here