Home Articoli HP Approvata la nuova legge sulla caccia in Piemonte: più specie protette e...

Approvata la nuova legge sulla caccia in Piemonte: più specie protette e limitazioni per i cacciatori

405
SHARE
Approvata la nuova legge sula caccia in Piemonte: più specie protette e limitazioni per i cacciatori
Approvata la nuova legge sula caccia in Piemonte: più specie protette e limitazioni per i cacciatori
Tempo di lettura: 1 minuto

È stata approvata la nuova legge sulla caccia in Piemonte: introdotte nuove limitazioni per i cacciatori,mentre aumentano le specie protette

 

 

È stata approvata la nuova legge sulla caccia in Piemonte.

 

Un provvedimento tanto atteso, di cui si era a lungo parlato negli ultimi giorni. Ora, con la votazione del Consiglio Regionale, il nuovo regolamento è entrato ufficialmente in vigore.

 

La nuova legge contiene, al suo interno, nuove e stringenti regole, che interessano particolarmente i praticanti dell’attività venatoria. È stata introdotta la possibilità dei proprietari o conduttori di fondi di vietare l’esercizio venatorio sul proprio territorio. Sono state approvate le misure straordinarie di controllo della fauna selvatiche richieste dalle organizzazioni sindacali agricole e dei sindaci. Inoltre, da quest’anno vige il divieto di cacciare nelle domeniche di settembre.

 

Scendendo nei particolari, è stato incrementato il numero delle specie protette, che non potranno essere oggetto dell’attività. Si tratta di lepri, pernici bianche, merli, allodole e undici tipologie di uccelli acquatici.

 

Nonostante il Consiglio Regionale abbia sottolineato che le nuove regole siano un tentativo di portare avanti questa pratica nel rispetto di tutti (uomini e animali), non si sono placate le polemiche dei cacciatori. Questi ultimi, infatti, hanno anche organizzato un presidio di protesta in piazza Castello.

Correlato:  Bounce Italia, a Nichelino la prima sede del marchio di free-jumping arriva in provincia di Torino

 

Una diatriba che, come si poteva immaginare, divide e costituirà motivo di contese giudiziarie, vista la promessa dei cacciatori di impugnare il provvedimento ed effettuare un ricorso per anticostituzionalità. I possibili scenari futuri sono ancora da definire.

(Foto tratta da ATNews)



Commenti

SHARE