Home Articoli HP Costi elevati e regole troppo stringenti: i grandi concerti a Torino rischiano...

Costi elevati e regole troppo stringenti: i grandi concerti a Torino rischiano di essere sempre più rari

1231
SHARE

I grandi concerti a Torino rischiano di essere sempre più rari: gli organizzatori disincentivati a scegliere il capoluogo piemontese dai costi troppo elevati e dalle eccessive regole

I grandi concerti a Torino rischiano di essere sempre più rari.
Il capoluogo piemontese sembra essere entrato in una fase di vero e proprio terrore per quanto riguarda gli eventi di grande portata. Come è intuibile, la città paga ancora i fatti della sera del 3 giugno 2017, che hanno lasciato ancora ferite aperte.
Che si tratti di una festa, di un concerto, di una ricorrenza, di un grande appuntamento o di qualsiasi altra casistica, la sicurezza viene posta prima di ogni condizione, talvolta anche esagerando.
L’ultimo esempio è rappresentato dal concerto di Vasco Rossi. Un grande spettacolo, che ha richiamato allo StadioOlimpico ben 80mila persone. Un numero impressionante, che ha garantito alle casse del Comune un guadagno di circa 220mila euro complessivi.
Eppure, le misure di sicurezza adottate si sono rivelate troppo stringenti. Per favorire tutti i controlli, migliaia di fan di Vasco sono rimasti fuori per ora in attesa di entrare nell’impianto, e sono stati fuori anche dopo l’inizio del concerto. Una circostanza che ha fatto infuriare gli spettatori, che hanno forzato la copertura delle forze dell’ordine, con queste ultime costrette a far entrare i paganti in fretta e furia.
Una strategia tutt’altro che funzionale per preservare l’incolumità dei presenti.

I costi

Generalmente, i grandi concerti a Torino vengono organizzati al Pala Alpitour e allo Stadio Olimpico.
Riguardo ai costi per la realizzazione di tali eventi, sono davvero molto numerose le agenzie che hanno lamentato un eccessivo esborso economico. Ad esempio, costa meno organizzare un simile spettacolo a San Siro che all’Olimpico, nonostante l’impianto milanese sia nettamente più capiente di quello torinese.
Uno svantaggio enorme, che disincentiva gli organizzatori di eventi a individuare location torinesi per gli appuntamenti di grande prestigio.
Occorre dunque ridefinire al più presto le tariffe per la realizzazione degli eventi e le relative misure di sicurezza. In caso contrario, non solo si perderanno buone occasioni di guadagno per l’amministrazione comunale, ma anche e soprattutto degli input per alimentare l’attrattività turistica della città.
(Foto tratta da owh.press)

Commenti

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here