Home Articoli HP Droni, a Torino accordo tra Comune ed Enac per la produzione e...

Droni, a Torino accordo tra Comune ed Enac per la produzione e la sperimentazione dei macchinari: si parte da San Giovanni

630
SHARE

Droni, a Torino accordo tra Comune ed Enac per la produzione e la sperimentazione dei macchinari: si parte da San Giovanni

 

I droni, a Torino, stanno per diventare uno dei punti di riferimento della produzione della città. Il Comune ed Enac, infatti, hanno sottoscritto un importante accordo di tre anni per la progettazione e la sperimentazione dei velivoli.

 

Palazzo Civico e l’Ente Nazionale per l’Aviazione Civile hanno firmato un protocollo d’intesa per testare i macchinari che si muovono senza pilota. Un progetto ambizioso, che ha una durata di tre anni, che mira ad attirare in città progettisti ed aziende produttrici di droni. Il capoluogo piemontese diventerebbe così, negli anni a venire, uno dei principali poli di costruzione, sperimentazione e divulgazione di questi rivoluzionari oggetti.

 

Una novità che potrebbe portare imprese (cinema e sport)  ed enti (sicurezza e controllo) di ogni settore a rivolgersi alle realtà che sorgeranno sul territorio torinese.

 

Il primo banco di prova di questo accordo sarà la Festa di San Giovanni. Da tempo si sa che l’amministrazione comunale non ha intenzione di riproporre il classico spettacolo pirotecnico dei fuochi, soprattutto per ragioni di sicurezza. Pertanto, saranno i droni luminosi (circa duecento) a sostituire i tradizionali fuochi. Una decisione che comporterà un aumento del costo da 50mila a circa 500mila euro (salvo sconti dell’azienda fornitrice, che farebbero abbassare notevolmente il prezzo). L’esborso dovrà essere sostenuto da sponsor privati.

 

Per le autorizzazioni, il Comune dovrà rivolgersi a Enac. L’Ente, che eroga autorizzazioni in non meno di 90 giorni, dovrà venire incontro a Palazzo Civico e concedere i permessi entro 25 giorni. L’evento è alle porte, e molto resta ancora da fare per organizzare uno degli appuntamenti più importanti dell’anno.

Commenti

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here