Home Articoli HP Industria 4.0, il Politecnico di Torino è il capofila di un importante...

Industria 4.0, il Politecnico di Torino è il capofila di un importante progetto in tema di nuove tecnologie

920
SHARE

Industria 4.0, il Politecnico di Torino è il capofila di un importante progetto che porterà un centro di competenza nel capoluogo piemontese

Grandi passi in avanti per l’industria 4.0, il Politecnico di Torino si attesta come primo ateneo in Italia grazie ad un progetto che gli assicurerà uno dei centri di competenza.
Secondo la classifica stilata dal Ministero dello Sviluppo Economico il progetto del Politecnico torinese è il primo in assoluto, davanti a quello del Politecnico di Milano, dell’Alma Mater Studiorum Università di Bologna e della Scuola Superiore Sant’Anna di Pisa.
La procedura prevede l’avvio di una fase “negoziale”, al termine della quale il Ministero deciderà quali risorse stanziare e dove creare i competence center.

“Manufacturing 4.0”

Il piano del Politecnico torinese ha il nome di “Manufacturing 4.0”. Oltre al Politecnico, ha lavorato al progetto anche l’Università di Torino con il sostegno di 27 aziende interessate all’iniziativa.
Il futuro centro di competenza torinese punterà a specializzarsi nella manifattura avanzata, quindi in nuove tecnologie. Gli obiettivi saranno l’introduzione capillare del digitale, in abbinamento a nuovi modelli economici lungo tutta la catena dei processi produttivi, nonché una nuova organizzazione del lavoro e di nuovi rapporti sociali interni ed esterni alle imprese.
Tra le aziende coinvolte nel progetto ci sono Eni, Fca, Ge Avio, General Motors Global Propulsion Systems, Iren, Italdesign, Leonardo, Merlo, Prima Industrie, Reply, Siemens, Skf, Michelin, Thales Alenia Space e Tim.
Il competence center avrà il compito di supportare le imprese mettendo a loro disposizione delle “linee pilota” innovative per diverse tecnologie manifatturiere. Inoltre, il futuro centro di competenza sarà un punto di riferimento in ambito come i Big Data, l’Internet delle cose, la robotica, la fotonica e la cybersecurity.
Entusiasti per questo risultato il rettore del Politecnico Guido Saracco e il rettore dell’Università di Torino Gianmaria Ajani.
Con questo progetto il sistema manifatturiero torinese  può ripartire grazie alla sinergia tra università, centri di ricerca, sistema delle aziende e piccole e medie imprese.
Industria 4.0 non significa solo macchine e robot, ma anche nuova cultura del lavoro, nuovi modelli organizzativi e nuove opportunità di business per le aziende.
Dunque, per quanto riguarda il tema industria 4.0, il Politecnico di Torino e l’Università si collocano al primo posto sul panorama italiano in tema di nuove tecnologie.

Commenti

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here