Home Articoli HP L’albergo medievale di Torino: un particolare edificio, di cui ci parla oggi...

L’albergo medievale di Torino: un particolare edificio, di cui ci parla oggi la nostra House Hunter Laura Polesinanti

3404
SHARE

L’albergo medievale di Torino: un particolare edificio nel centro cittadino, di cui ci parla oggi la nostra House Hunter Laura Polesinanti

In via Porta Palatina all’angolo con largo IV Marzo e via Torquato Tasso, troviamo l’unico esempio di struttura alberghiera di epoca medievale.
Risale al XV secolo e si chiamava albergo della Corona Grossa: Hospicium signi Coronae. Questo edificio non passa inosservato grazie alla sua posizione angolare. Una parte della struttura era riservata all’abitazione della famiglia proprietaria, 98 stanze ospitavano i visitatori e gli ampi archi al piano terreno erano di accesso alle botteghe. Questo angolo su cui venivano affissi i bandi cittadini era anche detto “cantone delle grida”: le grida del banditore per chi non sapeva leggere.
Una denuncia catastale del 1323 attesta che l’edificio a quell’epoca era di proprietà della nobile famiglia chierese Broglia.  Casa Broglia aveva un’ampia stalla dove alloggiare i cavalli.  Ciò che fece di casa Broglia un albergo e non una taverna fu proprio il fatto che poteva offrire vitto e alloggio sia agli uomini che ai loro cavalli.
Il corredo da letto descritto nelle dichiarazioni catastali fugava ogni dubbio sulla legittimità dell’attività ricettiva. La posizione strategica nel polo commerciale della città fece si che  all’Albergo della Corona Grossa furono accolti la maggior parte degli ambasciatori ricevuti a corte.
L’edificio si degradò durante i secoli XVII e XVIII, come la maggior parte degli edifici medievali torinesi. E, come la casa del Senato e casa Romagnano fu restaurato dall’ ingegner  Brayda negli anni intorno al 1880.
I bombardamenti del 1943 danneggiarono le costruzioni nell’isolato compreso fra le vie Conte Verde, Torquato Tasso, Porta Palatina e della Basilica. Casa Broglia subì danni nella parte superiore. Si vede oggi l’effetto della ricostruzione postbellica: la parte superiore dell’edificio è stata intonacata, mentre la parte inferiore si è conservata in mattoni a vista.
Oggi l’ex Albergo della Corona Grossa è adibito ad abitazione. Laddove spiccavano le botteghe, ci sono negozi e locali serali. La piazza IV Marzo resta degna cornice e testimonianza della Torino medievale.

Commenti

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here