Home Articoli HP Bombe a Lingotto, a Torino possibile evacuazione del quartiere: pericoli nell’area su...

Bombe a Lingotto, a Torino possibile evacuazione del quartiere: pericoli nell’area su cui sorgerà Green Pea

6447
SHARE
Tempo di lettura: 1 minuto

Bombe a Lingotto, a Torino si pensa a una possibile evacuazione del quartiere: pericoli nell’area su cui sorgerà Green Pea, l’ultima creazione imprenditoriale di Oscar Farinetti

 

Il pericolo delle bombe a Lingotto, a Torino, sta iniziando a interessare sempre di più le forze dell’ordine e l’amministrazione comunale.

 

Pochi giorni fa è stato rinvenuto in via Nizza 240, a due passi dal Centro Polifunzionale Lingotto, un ordigno di fabbricazione statunitense. Una bomba di grandi dimensioni, che pesa ben 500 libbre e che contiene qualcosa come 130 kg di esplosivo.

 

Un ritrovamento che ha fatto scattare l’allarme, visto che, durante la Seconda Guerra Mondiale, gli Alleati avevano lanciato numerose bombe in zona. Alcune di esse potrebbero essere rimaste inesplose e potrebbero dunque essere ancora presenti sotto il suolo.

 

Per questo è stato richiesto l’intervento della Sos Diving Team, azienda conosciuta per la sua grande competenza nella ricerca e bonifica preventiva di ordigni bellici in aree e terreni sui quali viene progettata la costruzione di nuovi edifici. Dopo le analisi effettuate dai tecnici è stata disposta l’organizzazione di una riunione. Tra le varie ipotesi c’è anche la concreta possibilità che la zona venga evacuata e che si proceda all’estrazione di altre bombe (qualora dovessero essere rinvenute), e il conseguente disinnesco. Intanto, l’area è stata transennata nei punti di interesse ed è sorvegliata dalla polizia.

Correlato:  1884: Borgo Medievale Torino, buon compleanno!

 

Non inizia dunque nella maniera migliore l’avventura di Green Pea. L’ultima creazione imprenditoriale di Oscar Farinetti, i cui cantieri di costruzione saranno realizzati proprio nella zona coinvolta da queste ricerche. Occorrerà attendere ancora del tempo per vedere la nascita di questo innovativo store.



Commenti

SHARE