Home Articoli HP Il Palazzo col Piercing di Torino, ovvero “Baci Urbani”

Il Palazzo col Piercing di Torino, ovvero “Baci Urbani”

2755
SHARE

Il Palazzo col Piercing di Torino, più correttamente noto come “Baci Urbani”: uno dei simboli più suggestivi ed enigmatici di Torino

 

Torino è stracolma di simboli enigmatici e poco visibili che suscitano interesse e curiosità: uno di questi è il Palazzo col Piercing. Si tratta di un edificio del ‘700 situato in via Palazzo della Città ed affacciato sulla piazzetta Corpus Domini. Potrebbe essere un palazzo come tanti altri, se non fosse per un particolare che può essere notato solo rivolgendo lo sguardo all’insù: il piercing gigante che orna lo spigolo della costruzione in corrispondenza del quarto piano. Una particolarità che incrementa il fascino della città.

 

“Baci Urbani”

 

Il dettaglio, da cui deriva il nome della struttura, è in realtà un’opera d’arte moderna realizzata dall’architetto Corrado Levi in collaborazione con Cliostraat, un gruppo di artisti e architetti, nato nel 1991 con l’intento di sperimentarsi in ambito architettonico e artistico. L’opera, il cui titolo originario è “Baci Urbani”, è stata installata nel 1996 per un’esposizione temporanea, in occasione della prima edizione di Biennale Giovani di Torino. Al termine dell’evento, l’anello non è stato rimosso. Continua tutt’ora ad essere esposto perché ormai divenuto fondamentale per la determinazione dell’identità del palazzo e dell’intera cittadina.

 

Un elemento ancora più singolare e visibile solo grazie ad una vista è dato dalle gocce di sangue che sgorgano ai lati del piercing. Il lato che dà verso Porta Palazzo è rosso, quello verso piazza Castello è blu ad indicare, secondo una delle possibili interpretazioni, rispettivamente il lato povero e quello nobile della società torinese.

 

(Articolo di Andrea Mistretta)

(Foto tratta da CittàdiTorino.forumfree)

Commenti

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here