Home Articoli HP Stretta sui dehors a Torino: quelli troppo rumorosi saranno chiusi

Stretta sui dehors a Torino: quelli troppo rumorosi saranno chiusi

875
SHARE

Stretta sui dehors a Torino: chiusura e rimozione delle strutture in caso di rumore eccessivo

Dopo le normative sulla vendita d’asporto degli alcolici, arriva ora la stretta sui dehors a Torino.
Il contrasto alla movida prosegue e l’amministrazione comunale sta studiando nuovi e rigidi provvedimenti per dare un’altra spallata al degrado e alle cattive abitudini di numerosi cittadini.
Al momento, l’opzione che Palazzo Civico sembra orientata a prendere in considerazione sarebbe la chiusura e la successiva rimozione dei dehors troppo rumorosi. Un provvedimento dettato dalla necessità di ridurre gli schiamazzi e, dunque, i disturbi alla quiete pubblica.
Questa ipotesi ha creato subito disappunto tra i commercianti del centro e dei quartieri della movida, come San Salvario e il Quadrilatero Romano. Tutte zone in cui si è soliti vedere scene di caos e di disordine, anche negli ambienti esterni dei locali.
Per rendere concreto questo provvedimento occorrerà un impiego maggiore delle risorse della pubblica sicurezza. Più vigili nelle strade, pronti ad effettuare controlli e a sanzionare coloro che non rispettano gli orari di apertura e chiusura e le regole di somministrazione. Si procederà con una sorta di “patente a punti”, assegnata a tutti i titolari di attività, dalla quale i punti saranno scalati ogni volta che si verificheranno situazioni oltre il limite.
Ai commercianti non resterà che badare ai propri clienti, per mantenere condizioni civilmente decorose. Non è da escludere la possibilità di vedere più steward, incaricati di mantenere l’ordine ed eventualmente di allontanare i soggetti più rumorosi.
(Foto tratta da Well Done)

Commenti

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here