Home Arte Economia, il Museo Egizio di Torino genera ricadute positive per quasi 200...

Economia, il Museo Egizio di Torino genera ricadute positive per quasi 200 milioni di euro all’anno per la città

315
SHARE
A Sphinx is pictured in the Statuary room at the Egyptian Museum in Turin on November 7, 2013. The "Museo delle Antichit? Egizie" in Turin is the only museum other than the Cairo Museum that is dedicated solely to ancient Egypt art and culture. AFP PHOTO / GIUSEPPE CACACE (Photo credit should read GIUSEPPE CACACE/AFP/Getty Images)

Il Museo Egizio di Torino genera ricadute economiche positive per quasi 200 milioni di euro all’anno per la città: un punto fermo dell’economia del capoluogo piemontese

Il Museo Egizio di Torino è un tassello fondamentale nell’economia della nostra città. La conferma di questo dato di fatto è arrivata anche dalle statistiche degli esperti.
Stando a quanto riporta una analisi del Centro Studi Silvia Santagata, la struttura di via Accademia delle Scienze genera importanti ricadute economiche su tutto il territorio torinese. Si parla di una cifra vicina ai 200 milioni di euro all’anno.
Numeri impressionanti, che sono stati ricavati dopo un attento studio, condotto in dieci mesi. A partire da settembre 2016 sono stati presi in considerazioni diversi ambiti e fattori per delineare la situazione di una delle massime eccellenze della nostra città.
Ebbene, è emerso che il 61,4% dei visitatori viene da regioni o Paesi diversi dal Piemonte, il 9,6% dall’Europa e solo il 10,8% dei visitatori risulta essere residente a Torino. Ciò dimostra che questa è un’attrazione principalmente in voga tra i turisti del resto d‘Italia e tra gli stranieri.
Questi dati hanno inevitabilmente effetti sul settore alberghiero. Il 72% dei turisti pernotta almeno una notte negli alberghi della città. Coloro che si intrattengono per più di una giornata sostengono una spesa media di 81 euro, mentre la spesa di coloro che arrivano per una visita rapida spendono mediamente 32 euro.
Il volume totale delle ricadute economiche positive sulla nostra città ammonta, per essere precisi, a 187 milioni di euro. Un risultato che premia gli sforzi fatti dal 2015 in avanti, per creare “un’isola felice” in grado di competere con i più importanti musei d’Italia e del mondo. Ora, ovviamente, l’obiettivo è quello di esportare questo modello vincente e di migliorare ulteriormente queste performance di tutto rispetto.
(Foto tratta da SudPress)

Commenti

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here