Home Arte Dal 3 maggio una mostra fotografica in centro per pregustare il Salone...

Dal 3 maggio una mostra fotografica in centro per pregustare il Salone dell’Auto di Torino

280
SHARE

Dal 3 maggio una mostra fotografica in centro per pregustare il Salone dell’Auto di Torino

Ormai da 4 anni, al Parco del Valentino, si svolge il Salone dell’Auto di Torino.
Esso riprende l‘unica grande esposizione di autovetture di riferimento per il mercato italiano, che si teneva ogni anno dal 1900 tra Torino e Milano, la quale pubblicizzava e celebrava i nuovi modelli prodotti dalle case automobilistiche italiane ed estere, fino al 2000, anno della sua ultima edizione.
Quest’anno il Salone si terrà dal 6 al 10 giugno e per far pregustare agli appassionati (e non) l’aria che si respirerà in quei giorni, ma soprattutto per diffondere la cultura dell’automobile ne “la Detroit d’Italia”(così chiamata dagli americani, per via delle numerose fabbriche d’automobili presenti nel capoluogo piemontese, tant’è che la Ford proprio in suo onore produsse la Ford Torino) a partire dal 3 maggio l’organizzazione, col patrocinio dell’UNRAE (Unione delle Case estere) e dell’ANFIA (Associazione delle aziende automobilistiche italiane), ha deciso di allestire una mostra fotografica in via Po.
La mostra consisterà in dei pannelli sospesi sotto i portici, ognuno dei quali dedicati ad una casa diversa, recante l’anno di fondazione con uno dei modelli storici e il modello più rappresentativo del 2018. Essa punta ad evidenziare il progresso ingegneristico e stilistico del marchio e il ruolo fondamentale che ebbe l’industria automobilistica nello sviluppo dell’economia e della società moderna.
La mostra resterà a Torino per 45 giorni, dopodiché verrà portata in tournée per le città simbolo dell’automotive italiano, infatti successivamente sarà a Modena in via Emilia (dal 1 giugno al 1 luglio), a Milano nel Castello Sforzesco (ad ottobre) e a Roma (sempre tra giugno e luglio). Inoltre dal 15 maggio al 15 giugno sarà trasferita all’aeroporto di Torino-Caselle, insieme ad alcuni prototipi di Pininfarina e GFG Style.
(Articolo di Samuele Bitella)

Commenti

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here