Home Articoli HP Torino, via Po pulita dai commercianti di zona: le proteste dei turisti...

Torino, via Po pulita dai commercianti di zona: le proteste dei turisti dietro all’iniziativa

SHARE
Torino, via Po pulita dai commercianti di zona: le proteste dei turisti dietro all’iniziativa
Torino, via Po pulita dai commercianti di zona: le proteste dei turisti dietro all’iniziativa
Tempo di lettura: 1 minuto

Torino, via Po pulita dai commercianti di zona: le proteste dei turisti dietro all’iniziativa intrapresa dai titolari delle attività

 

A Torino, via Po sarà soggetta a operazioni di pulizia da parte dei commercianti.

 

I titolari delle attività si attiveranno per tirare a lucido il porticato della via, per far sì che diventi più accogliente. Tutto parte da “Estetica & Unghie Discount”, negozio situato al numero civico 18/D. La responsabile del negozio ha iniziato a pulire con spazzolone e secchiello la porzione di pavimento davanti al locale, dando il via a un nuovo progetto per la via.

 

L’appello sarà recepito dagli altri commercianti, che contribuiranno a rendere più pulito un luogo frequentato continuamente dai turisti. E sono proprio questi ultimi a lamentarsi maggiormente di questa triste realtà, alla quale si sta cercando di porre rimedio solo ora.

 

In realtà, i commercianti hanno intenzione di estendere l’iniziativa anche ai residenti, visto che il problema presentato riguarda un po’ tutti. Si dovrà cooperare per dare un’adeguata cura a uno degli ambienti più aulici del capoluogo piemontese, che funge anche da vetrina per i visitatori. Senza contare la situazione dei muri, per i quali il Comune ha stanziato un piano di incentivi per la restaurazione. Basta fare un giro sotto i portici per rendersi conto dell’urgenza di questi interventi, vista la folta presenza di scritte e murales indesiderati.

Correlato:  Ospedale Martini di Torino, inaugurata l'Unità di Terapia Intensiva Cardiologica

 

Si tratta di una delle numerose migliorie alle quali via Po sarà sottoposta. Entro fine anno, infatti, la via dovrebbe diventare la prima, a livello, torinese, a essere priva di barriere architettoniche. Un’altra manovra utile per rendere questo splendore accessibile a un numero più elevato di persone.



Commenti

SHARE