Home Articoli HP La primavera a Torino è in ritardo di venti giorni!

La primavera a Torino è in ritardo di venti giorni!

154
SHARE
La primavera a Torino è in ritardo di venti giorni!
La primavera a Torino è in ritardo di venti giorni!

Loretta Goggi cantava Maledetta Primavera e in effetti potremmo dire che quest’anno è un po’ strana…

La primavera a Torino tarda ad arrivare: pochi fiori che sbocciano e aria fresca. Quando si manifesterà?

Sembrerebbe tutta colpa delle piogge di questi giorni la causa della primavera ritardataria. Se vi state chiedendo dove siano finiti i brillanti colori della bella stagione, è la stessa domanda che ci stiamo ponendo.

Pochi fiori che sbocciano. Colori spenti. Aria frescolina. Questa è la situazione che si palesa ogni giorno quando apriamo gli occhi. La primavera scattata il 20 marzo non è ancora arrivata, quando si presenterà? Finché le temperature non aumentano e il sole non inizia essere più presente, non vedremo fiori e piante sbocciare e crescere, di conseguenza niente primavera.

La Direttrice dell’Orto Botanico, Consolata Siniscalco dice che questa stagione è in forte ritardo, circa 20 giorni. “Sono fiorite le magnolie e gli olmi, che di solito sono molto precoci, anche i salici e i pioppi lo stanno facendo, ma solo da pochi giorni”, buona parte delle fioriture, però, si sta facendo attendere.

Sole e caldo questa settimana

La settimana appena iniziata promette bene. E’ in arrivo l’alta pressione, bel tempo e tanto, tanto sole. Il picco della fioritura lo avremo alla fine del mese, dove vedremo gli ippocastani sbocciare, così come platani e tigli.

Tuttavia non solo il freddo è la causa di questa primavera in ritardo. Il 2017 è stato un anno molto secco, dunque, anche se ora ha piovuto molto, gli alberi potrebbero aver accumulato poche riserve. Se da un lato la pioggia ha rallentato i tempi, dall’alto nei prossimi mesi i nostri alberi ringrazieranno perché avranno una riserva maggiore d’acqua.

Non solo gli alberi e i fiori sono spogli, anche le coltivazioni sono in ritardo di ben due settimane rispetto all’anno passato. Gli agricoltori non sono ancora riusciti a seminare il mais, perché ha piovuto troppo, così come sono indietro anche peri, meli e peschi.

Speriamo che le temperature inizino ad aumentare così da poter ammirare la fioritura colorata nella nostra città!

Per leggere il meteo della settimana cliccare qui.

(credit foto: salviamo il paesaggio)

Commenti

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here