Home Articoli HP Linea 2 della metro di Torino, i sindaci di Beinasco e Orbassano...

Linea 2 della metro di Torino, i sindaci di Beinasco e Orbassano chiedono l’estensione anche nei loro Comuni

2017
SHARE
Linea 2 della metro di Torino, i sindaci di Beinasco e Orbassano chiedono l’estensione anche nei loro Comuni
Linea 2 della metro di Torino, i sindaci di Beinasco e Orbassano chiedono l’estensione anche nei loro Comuni

Linea 2 della metro di Torino, i sindaci di Beinasco e Orbassano chiedono l’estensione anche nei loro Comuni  e rispolverano il vecchio progetto del 2008

 

La linea 2 della metro di Torino sta diventando una tematica sempre più centrale nei progetti di urbanistica e di trasporto pubblico della nostra città.

 

Dopo una prima fase di stallo, dovuta alla mancanza di fondi per l’avviamento dei lavori, il raggruppamento di aziende incaricate dello svolgimento dei lavori (capeggiate di Systra) ha iniziato a programmare i primi sopralluoghi su alcuni dei punti indicati lungo il tracciato. In circa un anno, inoltre, dovrebbe essere pronta la progettazione. Le zone della città coinvolte in questo progetto dovrebbero essere quelle lasciate scoperte dalla linea 1 della metro, come Mirafiori, Santa Rita e Barriera di Milano.

 

In questo scenario, i Comuni di Beinasco e Orbassano stanno cercando di inserirsi per ottenere un collegamento con la linea 2. I sindaci delle due cittadine hanno infatti riportato alla luce il vecchio studio di fattibilità del 2008. Il documento di ormai dieci anni fa prevedeva la costruzione frammentata in tre lotti del tracciato della metropolitana. Il primo avrebbe dovuto collegare la stazione Rebaudengo a corso Vittorio Emanuele II. Il secondo tratto avrebbe dovuto mettere in comunicazione corso Re Umberto con il cimitero Parco. Il terzo, infine, avrebbe dovuto avere una lunghezza di 6 km, e avrebbe dovuto avere come fermate Fornaci, Beinasco, centro ricerche Fiat, Pasta di Rivalta e Orbassano.

 

Una richiesta dettata dalla necessità di avere un collegamento diretto e rapido con la città. La zona sud-ovest di Torino, infatti, è conosciuta per essere molto trafficata a qualsiasi ora del giorno. L’arrivo di mezzi pubblici moderni, comodi ed efficienti permetterebbe di porre rimedio a uno dei più importanti problemi del traffico torinese. Ora la palla passa a Palazzo Civico e a Systra, che dovranno valutare l’ipotesi più vantaggiosa dal punto di vista economico e pratico.

Commenti

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here