Home Articoli HP Campus Einaudi a Torino: rinnovo di viale Ottavio Mai!

Campus Einaudi a Torino: rinnovo di viale Ottavio Mai!

311
SHARE
Campus Einaudi a Torino: rinnovo di viale Ottavio Mai!
Campus Einaudi a Torino: rinnovo di viale Ottavio Mai!
Tempo di lettura: 1 minuto

Campus Einaudi a Torino: si al rinnovo di viale Ottavio Mai. Gli studenti del Politecnico di Torino hanno tante idee in progetto!

La zona antistante il Campus Einaudi a Torino è in degrado. Per questo gli studenti del Politecnico hanno messo a progetto la riqualificazione di viale Ottavio Mai a Torino.

Come hanno immaginato il viale dietro il Campus Einaudi a Torino gli studenti del Poli? C’è chi ha pensato a delle aree di sosta ai piedi degli alberi, con 2-3 gradoni dove gli studenti possano sedersi per leggere e studiare. Chi spazi per fare sport, come un piccolo campo da basket oppure un prato per giocare a pallone. Hanno immaginato persino a qualcosa di innovativo: una nuova illuminazione «on demand», con luci che si accendano al passaggio delle persone.

Queste sono le idee degli studenti. La loro idea di riqualificazione di viale Ottavio Mai a Torino è ambiziosa ma per niente irraggiungibile. Questa sottozona alle spalle del Campus è totalmente in disuso: ghiaia e una serie di platani tra lungo Dora Siena e corso Farini. Mercoledì 14 marzo le idee (raccolte in 10 progetti) sono state presentate nel corso di una riunione cui hanno partecipato, tra gli altri, il rettore dell’università di Torino Gianmaria Ajani e l’assessore alle politiche giovanili e ai beni comuni Marco Giusta.

Correlato:  Circoscrizione 6, addio al sovrappasso di via Stradella

Il viale senza identità potrebbe averne presto una, esattamente come tanti altri spazi della nostra città ormai dimenticati da Dio. Al momento non ci sono fondi per iniziare a parlare concretamente del rinnovamento dell’area ma il docente Massimo Crotti del Dipartimento di architettura e design vorrebbe che quella via così vicina all’università fosse «un’area di relazione, di convivenza e di condivisione, incrociando le esigenze dell’università con quelle della città. Ci piacerebbe che si trasformasse in un luogo dove studiare o fare attività di sport leggero, ma anche uno spazio dove organizzare piccoli eventi, concerti o cene di quartiere».

Tutti noi ce lo auguriamo.

#StayTuned

(credit foto: torino flash)



Commenti