Home Articoli HP Ztl, a Torino si studiano nuove soluzioni: pagheranno di più i proprietari...

Ztl, a Torino si studiano nuove soluzioni: pagheranno di più i proprietari dei veicoli che inquinano maggiormente

352
SHARE

Ztl, a Torino pagheranno di più i proprietari dei veicoli che inquinano maggiormente: in arrivo nuove soluzioni per le misure del prossimo anno

La Ztl, a Torino, è una questione che continua a tenere banco tra i cittadini e all’interno delle istituzioni. Palazzo Civico sta studiando nuove soluzioni per lanciare, a partire dal prossimo anno, le nuove direttive della zona a traffico limitato.
I recenti malumori di residenti e commercianti, culminati con la protesta in piazza dei cittadini di alcuni giorni fa, hanno fatto riflettere l’amministrazione comunale sulle modifiche da apportare e sulle tempistiche di attuazione.
Ora, però, Palazzo Civico sembra avere le idee più chiare. Già, perché il progetto che riformerà la Ztl sarà attivo a partire da gennaio 2019. Le misure non saranno dunque adottate già a partire da quest’anno, bensì dall’anno prossimo, per permettere agli addetti ai lavori di studiare le soluzioni più appropriate.
Stando alle ultime indiscrezioni, il Comune starebbe pensando di far versare una quota di accesso maggiore a tutti coloro che utilizzano mezzi più inquinanti. Le modifiche della Ztl dovranno avere effetti anche sulle abitudini dei torinesi e sulla loro mobilità. Ci sarà spazio dunque agli incentivi sull’uso dei mezzi pubblici e in condivisione, mentre si cercherà di far diminuire il numero dei veicoli che producono maggiori emissioni, in centro e non solo.
Inoltre, le nuove manovre saranno distinte in base alle varie esigenze dei cittadini. Residenti e possessori di garage avranno un permesso di circolazione, mentre i lavoratori saranno dotati di un abbonamento. In questo sarà fondamentale il supporto di Telepass, che sarà coinvolto in una collaborazione con il Comune per rendere efficiente il servizio. La sosta, inoltre, potrà avere un costo variabile in base al tempo necessario, e potrà essere pagata con parcometri e apposite app. Il centro dovrà funzionare dunque come un grande parcheggio, nel quale saranno monitorati ingressi, uscite e consumi.

Commenti

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here