Home Arte Il tesoro nascosto del Mauriziano apre al pubblico per la prima volta

Il tesoro nascosto del Mauriziano apre al pubblico per la prima volta

1764
SHARE
Il tesoro nascosto del Mauriziano apre al pubblico per la prima volta
Il tesoro nascosto del Mauriziano apre al pubblico per la prima volta

Dietro le pareti dell’ospedale, il tesoro nascosto del Mauriziano

Sabato 24 e domenica 25 marzo, verrà aperto al pubblico per la prima volta, il tesoro nascosto del Mauriziano. In occasione delle “Giornate Fai di Primavera” sarà infatti consentito visitatori l’ingresso gratuito.

Il merito per l’apertura di queste sale ottocentesche, normalmente chiuse al pubblico, va al capo della delegazione Fai di Torino Elena Galateri insieme alla Fondazione Ordine Mauriziano.

Normalmente gli spazi, che ospitano circa 50 lavoratori, sono aperti al pubblico solo su apputamento e solo per ricerche e studi accademici.

Il percoso della visita

La visita guidata partirà dal Salone del Gran Consiglio, luogo importante per la direzione dell’ospedale. Qui si è riunito il consiglio dell’Ordine Muriziano dal 1887 al 2002.

La visita al tesoro nascosto del Mauriziano oltre la Sala del Gran Consiglio prevederà anche l’ufficio del Primo Segretario dell’Ordine fino ad arrivare all’Archivio Storico.

L’archivio (secondo solo all’Archivio di Stato e lungo due chilometri lineari) possiede mappe, atti notarili, pergamene, registri di spesa per la palazzina di Stupinigi ma anche tele appartenenti ai principi di Savoia. Da segnalare il dipinto di Martinotti che ritrae Carlo Alberto.

Strano pensare che vicino agli ambulatori e alle sale dell’ospedale si celino una serie di sale tardo ottocentesche strepitose oggi adibite a uffici. Eleganti saloni di rappresentaza, stanze affrescate ma anche un archivio storico di quasi mille anni sono infatti l’enorme tesoro nascosto del Mauriziano.

Per ulteriori informazioni, consultare la pagina facebook FAI – Delegazione di Torino.

Commenti

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here