Home Articoli HP Matematica all’Università di Torino: accessibile anche ai non vedenti

Matematica all’Università di Torino: accessibile anche ai non vedenti

463
SHARE
Tempo di lettura: 1 minuto

UniTo rende la matematica accessibile anche alle persone con disabilità visiva: studiato il primo sistema per realizzare testi scientifici in formato digitale per persone non vedenti

Un team di ricercatori del Dipartimento di Matematica all’Università di Torino ha sviluppato una tecnologia pensata appositamente per le persone con disabilità visiva. La ricerca è il primo sistema volto a realizzare in modo automatico testi in pdf con formule studiate per essere lette da persone cieche o ipovedenti.

lo studio è stato guidato dalla professoressa Anna Capietto, docente di analisi matematica e responsabile per la disabilità del Dipartimento. Il progetto è partito nel 2012 e vede coinvolte 12 persone tra studiosi, tecnici della ricerca, docenti di scuole secondarie e anche professionisti esterni. La realizzazione vede coinvolti anche 7 volontari con disabilità visiva, indispensabili per la sperimentazione.

Matematica all'Università di Torino: accessibile anche ai non vedenti

La ricerca sarà presentata in Austria all’ ICCHP

La ricerca sarà presentata al più importante evento scientifico sul tema, l’International Conference on Computers Helping People with Special Needs (ICCHP). Entro la fine del 2018, saranno resi disponibili i primi testi di analisi matematica 1, algebra lineare e geometria analitica. Si prevede inoltre di rendere accessibili a ciechi e ipovedenti i test d’ingresso universitari e alcuni software matematici come Maple e Matlab.

Diffusione, sperimentazione e ricerca

Parallelamente a questo studio, si sta lavorando per la realizzazione di un polo all’interno del Dipartimeno di Matematica all’Università di Torino. La struttura di eccellenza, il “Laboratorio per la ricerca e la sperimentazione di nuove tecnologie assistive per le disabilità S.Polin”, sarà l’unica a livello nazionale e fra pochi in Europa. L’obiettivo del laboratorio è volto a realizzare, diffondere e sperimentare nuove tecnologie a favore di tutte le persone con disabilità.

Correlato:  Città delle Scienze di Grugliasco: UNITO lancia un bando da 156 milioni

 

La ricerca è trattata in modo approfondito e scientifico sul sito dell’Università di Torino, Dipartimento di Matematica “Giuseppe Peano”.

 



Commenti