Home Articoli HP Turismo, a Torino prenotazioni in calo negli hotel: -20% in un anno

Turismo, a Torino prenotazioni in calo negli hotel: -20% in un anno

2968
SHARE

Turismo, a Torino primi segnali negativi del settore: le prenotazioni negli alberghi scendono del 20% in un solo anno

Il turismo, a Torino, continua a mostrare qualche segno di cedimento.
A patire maggiormente questa piccola crisi del settore sono gli alberghi, che hanno visto un drastico calo delle prenotazioni. In un solo anno, infatti, c’è stata una flessione del 20% nel numero delle camere prenotate. A marzo 2018, infatti, è stata registrata una caduta evidente rispetto allo stesso periodo del 2017.
Una notizia quasi preannunciata dalle associazioni di categoria, che avevano manifestato le proprie preoccupazioni già a partire dalla fine dello scorso anno. Preoccupazioni che si sono rivelate fondare, viste le rilevazioni effettuate. Nel dicembre del 2017 era stato registrato un -6,2% nel numero delle prenotazioni rispetto allo stesso mese del 2016. Tutto ciò aveva portato gli albergatori a lanciare l’allarme, che però non è stato preso troppo in considerazione né dal Comune, né dalla Camera di Commercio. Almeno fino alla constatazione di questa realtà.

Le cause della diminuzione del giro d’affari

Sono numerosi i fattori che pesano su questo calo del giro d’affari del settore turistico.
Basti pensare che l’occupazione delle stanze, a Capodanno, era già calata di sette punti percentuali rispetto all’anno precedente. Una diminuzione data dalla mancanza di grandi eventi in piazza e dall’organizzazione di kermesse al chiuso, come quella del Pala Alpitour e dello Spazio 211. 
Un’altra valida spiegazione è il costante rinvio di alcuni importanti eventi. Ne è esempio Cioccolatò, saltato per l’ennesima volta, per questioni legate alla società incaricata della realizzazione. Anche mostre ed esposizioni ritardate o cancellate hanno disincentivato molti potenziali visitatori a passare un periodo nel capoluogo piemontese.
Tante variabili che hanno portato la nostra città a perdere un po’ di punti in questo ambito. Il turismo, a Torino, è però sempre cresciuto negli ultimi anni, tendenzialmente. L’auspicio è che le contrazioni registrate in questa prima parte del 2018 siano solo momentanee. Serve una nuova spinta, che potrebbe essere generata da importanti appuntamenti come il Salone dell’Auto, il Salone del Libro e il Salone del Gusto. Tutte grandi opportunità per rilanciare il turismo torinese, che dovranno essere sfruttate al meglio.

Commenti

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here