Home Articoli HP Torino, i nuovi supermercati in arrivo sono nove: il punto sui progetti...

Torino, i nuovi supermercati in arrivo sono nove: il punto sui progetti in corso

54043
SHARE

Torino, i nuovi supermercati in arrivo sono nove: tanti nuovi progetti in tutta la città

Torino, i nuovi supermercati sono sempre più diffusi. I punti vendita della grande distribuzione sono in costante aumento, grazie ai continui investimenti di marchi di discount, supermarket e centri commerciali.
La situazione del capoluogo piemontese è molto chiara: sono nove le nuove attività in programma. I progetti prenderanno vita in periodi differenti, in qualsiasi zona della città, e avranno le dimensioni più variabili.
In via Paolo Borsellino, nei pressi del tribunale Bruno Caccia, precisamente nell’ex area Westinghouse, sarà aperto un nuovo Esselunga. Grazie a questa nuova apertura potranno essere reperiti i fondi per realizzare il tanto atteso centro congressi.
Un nuovo discount a marchio Lidl sarà inaugurato nel quartiere Santa Rita, in via Baltimora. Uno è stato da poco aperto in via Ponchielli e sarà spostato in via Bologna.
 
All’ex Scalo Vanchiglia, in via Regaldi, ci sarà spazio per un nuovo punto vendita Famila. In corso Romania sorgeranno invece un nuovo Bricoman e un’altra attività, che ancora non è stata resa nota.
Sempre il Famila sarà pronto ad aprire un punto all’ex Berto-Lamet di strada del Portone. In via Botticelli ci sarà una nuova Coop, mentre in via Nizza dovrà arrivare un Lingotto GL.
Sono in programma altre potenziali aperture in via Orbetello, corso Grosseto e corso Bramante, con il Gruppo Dimar fortemente interessato a investire in queste aree.
Infine, stanno facendo discutere i progetti del Palazzo del Lavoro (recentemente bloccato) e quello di corso Brunelleschi. Quest’ultimo, in particolare, sta creando più problemi del previsto all’amministrazione comunale, che non ha ancora deciso come muoversi per non scontentare né i commercianti della zona né la società incaricata dei lavori di costruzione del centro commerciale.

I vantaggi per il Comune e l’utilizzo degli incassi

Torino, i nuovi supermercati non sono sempre percepiti come una necessità dai cittadini che, anzi, ne lamentano l’eccessiva proliferazione. Al contrario, la nascita di nuovi punti vendita delle grandi catene può rappresentare una buona opportunità per le casse pubbliche.
Nello specifico, i benefici saranno principalmente ottenuti dal Comune. Con tutte queste nuove attività, infatti, Palazzo Civico, riuscirà a guadagnare ben 44 milioni di euro. Il denaro sarà incassato grazie alle numerose concessioni richieste dai vari marchi e dai titolari dei punti vendita.
La cifra, come sottolineato a più riprese dall’amministrazione comunale, sarà inizialmente impiegato per coprire i buchi di bilancio degli anni passati. La somma per questa esigenza, però, non è ancora stata stabilita.
È invece molto probabile che 30 di questi 44 milioni di euro siano utilizzati per opere di restauro di spazi pubblici. Saranno effettuati interventi su strade e giardini. Saranno dunque rimessi a nuovo numerosi tratti del manto stradale delle aree coinvolte, oltre che le aree verdi prive di manutenzione. Le operazioni, ovviamente, riguarderanno anche e soprattutto le aree in prossimità dei nuovi supermercati.
Dunque, a Torino, i nuovi supermercati saranno una delle leve fondamentali per apportare delle migliorie in più della città. I cambiamenti in atto, ovviamente, trovano il disappunto di molti torinesi, che non stanno manifestando grande entusiasmo per questi mutamenti.

Commenti

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here