Home Articoli HP A Torino apre Starita, la storica pizzeria napoletana resa famosa da Sophia...

A Torino apre Starita, la storica pizzeria napoletana resa famosa da Sophia Loren

26993
SHARE
Tempo di lettura: 1 minuto

A Torino apre Starita, la pizzeria napoletana conosciuta dal grande pubblico grazie a Sophia Loren

Torino apre Starita.
La storica pizzeria napoletana, che si è costruita una grande fama nel corso dello scorso secolo, sarà presente anche nel capoluogo piemontese.
Fondata a Napoli nel 1901, ha proseguito con successo la sua attività fino ad ora, tanto che ancora oggi l’omonima famiglia continua a gestirla. È giunta ora alla quarta generazione: un vero orgoglio per la città e per l’Italia.
La pizzeria si è fatta inoltre conoscere dal grande pubblico grazie al film L’Oro di Napoli. La pellicola di Vittorio De Sica, risalente al 1954, pone al centro dell’attenzione, in alcune delle sue parti, una bellissima e giovanissima Sophia Loren. L’attrice interpreta il ruolo di una pizzaiola con il vizio del tradimento. Per queste parti, le riprese si svolsero proprio all’interno della pizzeria Starita, che si è così consacrata come punto di riferimento per gli intenditori e gli appassionati di pizza.
Un’azienda che ha saputo poi espandersi fuori dai confini locali, con due nuovi punti a Milano e New York. Ora sta per prendere forma lo sbarco a Torino. Nel suo menù, Starita proporrà le classiche pizze della tradizione napoletana. Non mancheranno inoltre le delizie della cucina partenopea, tra fritti, i dolci e i prodotti tipici campani.
Nello specifico, la nuova pizzeria Starita troverà posto nel pieno centro storico della nostra città, in via XX Settembre 36 (una via molto attiva ultimamente, vista la recente apertura di Depiline). Si troverà dunque nel tratto compreso tra piazza Cln e via Giolitti. L’attività sarà inaugurata lunedì 19 marzo, per poi essere disponibile per i clienti tutti i giorni, dal lunedì alla domenica, dalle ore 12:00 alle ore 15:00 e dalle ore 19:00 alle ore 24:00.


Commenti

Correlato:  Frutto Proibito? No, permesso!
SHARE