Home Articoli HP Trasporti, a luglio sarà introdotto il biglietto unico Gtt: ufficializzate le nuove...

Trasporti, a luglio sarà introdotto il biglietto unico Gtt: ufficializzate le nuove misure

1414
SHARE
Tempo di lettura: 2 minuti

Trasporti, a luglio sarà ufficialmente introdotto il biglietto unico Gtt: in estate saranno applicate anche le altre novità

Adesso è ufficiale: a luglio sarà introdotto il biglietto unico Gtt.
Il Gruppo Torinese Trasporti, di comune accordo con Palazzo Civico, ha progettato e formalizzare una serie di variazioni sul costo dei titoli di viaggio dei mezzi pubblici, a partire dai biglietti.
Come avevamo anticipato in precedenza, l’azienda di trasporto pubblico aveva addirittura pensato all’eventualità di lanciare un moderno biglietto elettronico a partire dalla prossima estate. Una iniziativa ancora in cantiere, che sarà anticipata dalla diffusione del biglietto unico Gtt. Un tagliando utilizzabile per tutta la rete, che dovrà sostituire le tre tipologie di biglietto: addio quindi alla diversificazione di urbano, extraurbano e urbano+extraurbano.
Il ticket avrà una validità di 100 minuti (10 in più rispetto ad ora) e costerà 1,70 euro. Avrà dunque un costo superiore di 20 centesimi rispetto al tradizionale biglietto urbano, che risulta essere il più diffuso tra gli utenti. Tutti coloro che sono soliti utilizzare i biglietti extraurbani, invece, dovranno fare i conti con un aumento più marcato, di ben 40 centesimi. Il prezzo attuale è infatti di 1,30 euro. Infine, non sono previsti aumenti o diminuzioni per coloro che acquistano abitualmente il biglietto urbano+extraurbano, il cui costo è già di 1,70 euro.

Biglietti speciali, abbonamenti e obiettivi di Gtt

Per quanto riguarda i biglietti, le novità non sono finite qui. Sarà introdotto anche un ticket giornaliero. Quello per i turisti, attualmente, ha un costo di 5 euro, mentre per uno di andata e uno di ritorno (entrambi di 90 minuti) occorrono 3,40 euro. Per evitare questa situazione a dir poco anormale, sarà introdotto un nuovo tagliando quotidiano del costo di 3 euro. Un metodo assolutamente condivisibile per incentivarne l’utilizzo ed evitare l’elusione del pagamento, pratica purtroppo assai diffusa sui mezzi torinesi.
Saranno oggetto di revisione anche gli abbonamenti. Questi ultimi saranno calcolati per fasce, in base all‘Isee. Il loro importo sarà dunque variabile, in base al reddito presentato. Alcune fasce, tra le quali rientra quella degli anziani, saranno addirittura esentate dal pagamento.
Al contrario, l’abbonamento studenti sarà esteso a tutti i giovani di età inferiore o pari ai 26 anni. Una novità assoluta, che coinvolge tutti i ragazzi, a prescindere dal fatto che essi siano iscritti o meno a una facoltà universitaria. Pertanto, possono beneficiare di questa misura anche i lavoratori e i disoccupati.
Tutte queste manovre dovrebbero consentire a Gttdi migliorare sensibilmente i propri conti. Si prevedono incrementi degli incassi stimati in 5 milioni di euro. Se fosse davvero così, il Gruppo Torinese Trasporti riuscirebbe ad affrontare meglio i gravi problemi con cui si sta confrontando.


Commenti

Correlato:  Torino, l'Energy Center sarà affidato al Politecnico: un progetto da 20 milioni di euro