Home Articoli HP Sanità, l’IRCCS di Candiolo premiato per le sue ricerche contro i tumori...

Sanità, l’IRCCS di Candiolo premiato per le sue ricerche contro i tumori alla mammella

565
SHARE
Tempo di lettura: 1 minuto

L’IRCCS di Candiolo è stato premiato per le sue ricerche contro i tumori alla mammella: a ricevere il riconoscimento è stata la dottoressa Anna Sapino

L’IRCCS di Candiolo è stato premiato per le sue ricerche contro i tumori alla mammella.
A ricevere il riconoscimento è stata la dottoressa Anna Sapino, professoressa dell’Università degli Studi di Torino e direttrice scientifica della struttura.
La professoressa si è aggiudicata il Premio Vladimir Totovic, riuscendo nell’impresa di diventare la prima italiana ad ottenere questa importante onorificenza.
Un riconoscimento assegnato ogni anno dalla divisione tedesca dell’International Academy off Pathology. Quest’ultima premia periodicamente un anatomo patologo che, durante l’anno, si è distinto per la sua attività scientifica. Una vittoria che acquisisce ancora maggiore risonanza, se si pensa che tutte le precedenti edizioni del Vladimir Totovic erano andate a scienziati americani, inglesi e tedeschi.

Nello specifico, Anna Sapino è stata insignita di questo importante riconoscimento per i suoi studi nell’ambito dei tumori alla mammella. Durante la cerimonia di premiazione, avvenuta presso l’International Academy of Pathology di Bonn, la professoressa ha avuto modo di tenere una lezione magistrale sulla “Storia di HER2 nel cancro al seno”.

Una spiegazione interessante, che ha messo in luce le potenziale di Her2. Quest’ultimo è un marcatore in grado di organizzare cure mirate ed efficaci con specifici anticorpi monoclonali, per combattere e vincere tumori alla mammella di grave entità.
L’Istituto per la Ricerca e la Cura del Cancro si toglie così un’altra importante soddisfazione. L’IRCCS di Candiolo, infatti, aveva ottenuto grande notorietà per le innovative tecniche sperimentate per sconfiggere il cancro.
Un ulteriore attestato di prestigio, che accresce positivamente la fama della struttura e di tutta la sanità piemontese.


Commenti

Correlato:  “Mirafiori Open Run”, la corsa a favore dei bambini del Regina Margherita
SHARE