Home Articoli HP Ancora negativi i dati di Caselle: il traffico cala per il terzo...

Ancora negativi i dati di Caselle: il traffico cala per il terzo mese consecutivo

447
SHARE

Ancora negativi i dati di Caselle: il numero dei passeggeri e dei voli cala per il terzo mese consecutivo

I dati di Caselle continuano a essere negativi. L’aeroporto “Sandro Pertini” mostra ancora segni di sofferenza, dovuti a una crisi iniziata da tre mesi.
A rivelare i dettagli di questo momento critico per lo scalo torinese è Assaeroporti, che ha raccolto e analizzato i dati di Caselle e dei più importanti aeroporti italiani.
Dalle misurazioni è emersa la grande difficoltà dell’impianto gestito da Sagat nel recuperare terreno. Per il terzo mese consecutivo, infatti, il numero totale dei passeggeri ha registrato una flessione. Nel mese di gennaio 2018, il traffico di Caselle è calato del 2,6%. L’ennesima contrazione, che ormai si ripropone da novembre 2017.
Le motivazioni di questa flessione sono da attribuire al forte taglio dei voli nazionali. I vettori italiani sono stati tagliati in maniera abbastanza significativa, con la netta eliminazione del 6,9% dei voli nel nostro Paese. Reggono all’urto i voli internazionali, che si mantengono stabili nel numero di voli e di passeggeri.
L’auspicio per i prossimi mesi è che Caselle possa tornare a crescere per quanto riguarda entrambi i dati. La contrazione di questi tre mesi era stata già messa in preventivo, ma continuare su questa linea sarebbe un vero peccato, vista la costante crescita registrata negli ultimi anni.
Lo scenario che si presenta per le prossime stagioni, però, non è dei migliori. Non sono in programma grandi novità per l’estate da parte di nessuna compagnia. Il segnale più evidente di questa disaffezione è stato lanciato da Ryanair, che ha introdotto 37 nuovi voli in Italia, senza concedere nemmeno una rotta al capoluogo piemontese. Urge trovare al più presto nuove soluzioni per porre fine a un trend così negativo, prima che venga avviato un circolo vizioso, dal quale sarebbe poi difficilissimo uscire.

Commenti

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here