Home Articoli HP Torino, la Cappella della Sindone rivede la luce: rimossi i ponteggi che...

Torino, la Cappella della Sindone rivede la luce: rimossi i ponteggi che la coprivano

548
SHARE

Torino, la Cappella della Sindone rivede la luce: ponteggi rimossi, riapertura al pubblico prevista per settembre

Torino, la Cappella della Sindone sta per essere riconsegnata ai torinesi. Una notizia che era già nell’aria e che già tempo fa era stata ampiamente anticipata.

Si tratta di una conquista dal valore inestimabile per il capoluogo piemontese, che ha praticamente recuperato uno dei suoi pezzi storici più importanti. E non solo: tutti i fedeli stanno per riavere la possibilità di visitare uno dei luoghi sacri più prestigiosi al mondo.

I cantieri, che hanno occupato la parte superiore della Cappella, sono stati rimossi. Con i punteggi, i sono riusciti a restituire gran parte dei colori originali. Alcune tonalità del marmo originale non sono state reperite, ma molti tratti sono tornati alla normalità. Ne è esempio il famoso “giallo Torino“, che aveva caratterizzato la superficie prima dell’incendio.

Dunque, dopo oltre venti anni, Torino riabbraccia una delle sue punte di diamante. Un periodo lunghissimo, i cui tempi si sono allungati per processi, questioni tecniche e giudiziarie. Per tutti gli interventi di restauro sono serviti oltre 30 milioni di euro. Una cifra reperita quasi interamente dal Mibact, che ha fornito 28 milioni di euro. I restanti 2,7 milioni di euro sono stati drogati dalla Compagnia di San Paolo. Un’ulteriore esborso aggiuntivo di 150mila euro è stato sostenuto dalla Consulta per la Valorizzazione dei beni artistici e culturali di Torino.

(Foto tratta da Museo Torino)

Tempi di riapertura e ingresso nel circuito dei Musei Reali

A Torino, la Cappella della Sindone tornerà ad essere accessibile al pubblico entro la fine di settembre. Le tempistiche previste alla fine del 2017, dunque, saranno ampiamente rispettate. L’obiettivo era infatti quello di riaprire le porte della Cappella entro dicembre 2018. Si procederà dunque con tre mesi di anticipo.

Un altro interessante progresso per la Cappella della Sindone è l’ingresso nel circuito dei Musei Reali. Una decisione che dà maggior lustro a questo tesoro del nostro territorio e che ne permetterà una gestione adeguata, in grado di rendere la struttura più competitiva su ogni fronte.

Commenti

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here