Home Articoli HP Olimpiadi a Torino nel 2026, i Comuni torinesi contro l’ipotesi di una...

Olimpiadi a Torino nel 2026, i Comuni torinesi contro l’ipotesi di una candidatura con Milano

340
SHARE
Olimpiadi a Torino nel 2026, i Comuni torinesi contro l'ipotesi di una candidatura con Milano
Olimpiadi a Torino nel 2026, i Comuni torinesi contro l'ipotesi di una candidatura con Milano

Olimpiadi a Torino nel 2026, spunta l’ipotesi di una candidatura con Milano: i Comuni torinesi non ci stanno e puntano a un’edizione autonoma

Per l’organizzazione delle Olimpiadi a Torino nel 2026 è recentemente spuntata l’ipotesi di una candidatura congiunta con Milano.
Si tratta di uno scenario già paventato promosso dal Presidente del Coni. Giovanni Malagò ha infatti chiaramente affermato che l’ideale sarebbe un evento organizzato dalle due grandi città. Nello specifico, le montagne torinesi sarebbero affiancate dalla Valtellina, con quest’ultima privilegiata per la maggior parte delle gare.
Una eventualità che non piace ai Comuni torinesi, che hanno già espresso il loro disappunto e sono pronti a proporre una nuova soluzione. Sarà proposta una edizione autonoma: “Sestriere 2026“. L’idea è portata avanti dal Sindaco di Sauze di Cesana, con il supporto di molti altri amministratori comunali. Una sfida affascinante, che però risulta essere molto ardua.
L’obiettivo è quello di non far finire le Olimpiadi a Milano, che si prenderebbe una posizione preponderante sul turismo del Nord Italia, anche rispetto a Torino.

Le possibilità offerte dal capoluogo piemontese

L’ipotesi dell’organizzazione delle Olimpiadi a Torino nel 2026 è diventata molto più che una fantasia.
Negli scorsi mesi sono circolate le prime voci, soprattutto tra i rappresentanti delle istituzioni locali. Assessori, sindaci e funzionari regionali avevano aperto a questa possibilità.
Poi ci ha pensato la Camera di Commercio ad alimentare questa speranza, con uno studio economico sulla sua fattibilità. Risultato: i Giochi Olimpici, a Torino, costerebbero meno di un miliardo di euro. Circa 800 milioni, per la precisione. Meno della metà di quanto fu speso nel 2006.
Negli ultimi giorni, tra i promotori della candidatura torinese si è schierata anche Sergio Chiamparino. Il Presidente della Regione ha manifestato la sua volontà di condurre Torino alla conquista delle seconde Olimpiadi nel giro di vent’anni. Un risultato storico, che darebbe un forte impulso alla nostra città, con ricadute economiche positive sul nostro territorio per gli anni a venire.
(Foto tratta da Greenews.Info)

Commenti

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here