Home Articoli HP Arriva la prima Lonely Planet sul Piemonte: viaggio alla scoperta delle potenzialità...

Arriva la prima Lonely Planet sul Piemonte: viaggio alla scoperta delle potenzialità del nostro territorio

888
SHARE

Pubblicata la prima Lonely Planet sul Piemonte: tutto quello che c’è da sapere sul turismo, sul territorio e sui patrimoni locali

È stata pubblicata la prima Lonely Planet sul Piemonte.
Si tratta di una guida dedicata alla nostra regione. Un volume che accompagna i lettori alla scoperta delle bellezze, dei patrimoni e delle potenzialità del Piemonte.
La guida, scritta grazie all’impegno di cinque inviati, tratta ogni aspetto della nostra regione. Gli autori, infatti, si sono accordati per suddividere il Piemonte in cinque aree. Ognuno, per un mese, ha vissuto in una di queste aree, per conoscere a fondo i segreti del posto. Gastronomia, cultura, paesaggi, chiese: tutto quello che c’è da sapere e che può essere messo a conoscenza di un turista.
Oltre alla grande importanza riservata al cibo e al vino, gli autori si sono soffermati particolarmente sui patrimoni non valorizzati. Sono tantissime le chiese e le strutture ancora chiuse, che potrebbero essere utilizzate e fruibili per i visitatori. Insomma, le potenzialità non mancano e, se fossero, sfruttare pienamente, il Piemonte aumenterebbe a dismisura il suo appeal turistico. E non solo per i visitatori esterni. La guida è rivolta anche e soprattutto ai piemontesi, che hanno così la possibilità di rendersi conto di quanto la nostra regione ha da offrire.
In particolare risalto troviamo, all’interno del libro, le bellezze torinesi. I turisti sembrano essere molto affascinati dai Musei Reali, dalla Sacra di San Michele, dalla Mole Antonelliana e dalla Reggia di Venaria. Fuori dal capoluogo piemontese riscuotono grande successo Vercelli e Cuneo.
La Lonely Planet sul Piemonte ha già riscosso un importante successo. Al momento, infatti, risulta essere la più venduta, insieme a quelle di Roma e Barcellona. Un piccolo grande traguardo iniziale, che spinge gli autori a riporre grande fiducia in questo volume.

Commenti

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here