Home Articoli HP Viabilità, nuove modifiche e più rigidità nelle multe sulle strisce blu a...

Viabilità, nuove modifiche e più rigidità nelle multe sulle strisce blu a Torino

1445
SHARE

Viabilità, nuove modifiche e più rigidità nelle multe sulle strisce blu a Torino: eliminato il doppio passaggio dei vigili

Le multe sulle strisce blu a Torino sono un vero e proprio incubo per gli automobilisti della nostra città. A breve, però, la situazione potrebbe peggiorare.
Gtt e Comune di Torino stanno per approvare nuove misure riguardanti gli spazi della sosta a pagamento.
Innanzitutto, i 50mila stalli blu saranno integrati da altri 7mila nuovi parcheggi. Da questi, generalmente, vengono generati circa 200mila verbali all’anno. Un numero già impressionante, che è inevitabilmente destinato ad aumentare.
Sono infatti in arrivo alcune novità che renderanno ancora più dura la vita agli automobilisti. Nello specifico, sarà eliminato il doppio passaggio da parte degli ausiliari della sosta. Questi ultimi, infatti, effettuano un primo passaggio in cui controllano le vetture e gli orari di sosta e autorizzazione. Terminato il primo passaggio, ne viene effettuato un secondo, in cui si inizia a sanzionare gli irrispettosi. A breve non sarà più così: le multe scatteranno al primo passaggio. Questo perché, in genere, se i tratti e le vie da controllare sono lunghi, spesso viene eluso il pagamento delle infrazioni effettivamente commesse.
Rimarrà invece il margine di tolleranza di quindici minuti, utilizzato per permettere gli automobilisti di non subire sanzioni in caso di lievi ritardi. Gtt era intenzionato a eliminare anche questo aspetto, ma Palazzo Civico si è dichiarato contrario.

I cambiamenti per gli addetti al controllo

Le multe sulle strisce blu a Torino non sono destinate solo a lievitare: aumenteranno anche in termini di quantità.
Già, perché i nuovi regolamenti introdotti dall’amministrazione comunale e dal Gruppo Torinese Trasporti imporranno una metodologia di lavoro diverso agli incaricati.
Gli addetti al controllo, infatti, saranno muniti di un palmare. Lo strumento servirà per scansionare le targhe degli automobilisti e riportare precisamente il numero delle vetture controllate e sanzionate.
Una mossa, questa, che spinge i circa cento incaricati a controllare più veicoli e a erogare più sanzioni. Sarà dunque valutata la produttività di ogni singolo lavoratore.
La nuova condizione ha trovato il malcontento dei sindacati, che si sono detti contrari a questa misura. In questo modo, infatti, vengono effettuate pressioni sui lavoratori e viene incentivata l’emissione di contravvenzioni.
La situazione delle strisce blu, per gli automobilisti, si fa più rigida e complessa. D’ora in poi occorrerà fare molta più attenzione, per evitare di andare incontro a spiacevoli inconvenienti.

Commenti

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here