Home Animali I dipendenti portano i cani negli uffici comunali di Genova: quando anche...

I dipendenti portano i cani negli uffici comunali di Genova: quando anche a Torino?

564
SHARE

Da qualche mese non è strano trovare dei cani negli uffici comunali di Genova. Merito dall’assessora alla Cultura del Comune. Quando avverrà anche a Torino?

Cani negli uffici comunali di Genova?
Nel capoluogo ligure è possibile grazie all’assessora alla Cultura del ComuneElisa Serafini, che ha autorizzato i dipendenti a portare in ufficio i propri amici a quattro zampe durante l’orario di lavoro.
L’assessora ha spiegato che l’idea è partita da un dipendente del suo assessorato che portava il suo cucciolo in ufficio. Così, la Serafini ha deciso di dare a tutti i dipendenti questa possibilità.
Per il momento, questa iniziativa, vale solo per gli uffici dell’assessorato alla Cultura presso Palazzo Ducale. Si tratta di uffici non aperti al pubblico.
In ufficio però vige un’unica regola: se anche una sola persona ha paura o è allergica, nessuno può portare il cane.
Al momento sono solo quattro i cani che varcano spesso le porte di Palazzo Ducale. Ci sono un cane da caccia, un volpino, un carlino e il barboncino dell’assessora Serafini.
I dipendenti che si recano a lavoro con il proprio amico a quattro zampe possono portarlo fuori solo nell’ora di pranzo. Inoltre, gli animali in ufficio non creano problemi.
L’obiettivo di questa iniziativa è trasmettere il messaggio per cui avere un cane può essere compatibile con la vita quotidiana perché facilita la vita delle persone. Così, si spera di incoraggiare le adozioni nei canili. Infatti, se aumentano le adozioni si riducono i costi del canile per il Comune.

L’assessora Serafini ha anche annunciato l’intenzione di autorizzare, prossimamente, l’ingresso di cani di piccola taglia anche nei musei civici.

Arianna Viscogliosiassessora al Personale del Comune di Genova, ha dichiarato, però, che si tratta di un’iniziativa isolata, di una sperimentazione limitata all’assessorato alla Cultura, che ne gestisce i processi.
Quindi, queste dichiarazioni non preludono a un allargamento dell’esperimento.
Inoltre, questa iniziativa ha suscitato critiche e perplessità tra le organizzazioni sindacali dei dipendenti comunali.
Anche gli educatori dell’Enpal’Ente Nazionale Protezione Animali, hanno sottolineato l’importanza dell’istituzione di un regolamento chiaro. Non solo. Occorre un professionista che attesti il benessere del cane in ufficio come accade negli office dog parking presenti in Francia e Gran Bretagna.
Dunque, per ora, questa iniziativa porta i cani negli uffici comunali di Genova, ma quanto dovremo aspettare perché ciò accada anche a Torino?
Credit photo: I miei animali

Commenti

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here