Home Articoli HP Consumi, in Piemonte crescono gli acquisti per i beni durevoli: +4,1% rispetto...

Consumi, in Piemonte crescono gli acquisti per i beni durevoli: +4,1% rispetto al 2016

658
SHARE

Consumi, in Piemonte segnali di ripresa: gli acquisti dei beni durevoli sono aumentati del 4,1% in un anno

I consumi, in Piemonte, sembrano mostrare ottimi segnali di ripresa.
Secondo l’Osservatorio di Findomestic Banca, la nostra regione ha fatto registrare una spesa totale di 5,47 miliardi di euro per quanto riguarda i beni durevoli.
Un numero impressionante, che assume maggiore importanza se si pensa che, rispetto al 2016, la spesa è cresciuta del 4,1% (circa 200 milioni di euro). Un aumento percentuale enorme rispetto a tutto il resto d‘Italia, che, mediamente, ha visto un incremento del 2%.
A rivelare questa ascesa è l’Osservatorio di Findomestic Banca, che ha analizzato la situazione di tutte le regioni del Paese.
I consumi, in Piemonte, sono trainati principalmente dalla crescita del credito al consumo. Le erogazioni sono aumentate del 20% in un anno e hanno permesso non solo l’acquisto di beni, ma anche il pagamento di servizi personali (matrimoni, operazioni).
Il settore più in forma è risultato essere quello delle automobili nuove, quantificata in 1,68 miliardi di euro. Ha fatto registrare un bel +5,3% rispetto al 2016. L’acquisto delle automobili usate ha creato un giro di 1,7 miliardi di euro, con una spesa in aumento del 5,7% in un anno.
Bene anche i mobili, per i quali sono stati spesi 1,27 miliardi di euro (+2,5%). Non è andata male nemmeno agli elettrodomestici, per i quali la spesa è aumentata a l 393 milioni di euro (+3,7%).
Sono in calo invece le spese per i prodotti informatici (-3,9%) e per le tv (-5,1%). Questi settori, in crisi da diverso tempo, hanno fatto registrare l’ennesimo segno negativo.
Oltre che sulla spesa, lo studio di Findomestic si è soffermato sul reddito dei cittadini. I piemontesi hanno visto un aumento del loro reddito pro capite, passato da 20.808 euro a 21.300 euro annui. Primeggiano i biellesi, con 23.343 euro annui. Seguonotorinesi, con 22.164 euro. Terzi I vercellesi con 21.541 euro, quarti i cuneesi con 20.995 euro. Sono sotto la soglia dei 20mila euro gli abitanti di Asti (19.236) , Novara (18.790) e Verbania-Cusio-Ossola (17.805).
Dunque, una buona notizia per la nostra regione, che sembra riuscire finalmente a intravedere segnali di ripresa.

Commenti

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here