Home Articoli HP Vergnano lancia “Torino Coffee First”, la guida dedicata al caffè torinese

Vergnano lancia “Torino Coffee First”, la guida dedicata al caffè torinese

1323
SHARE

“Torino Coffee First”, Vergnano lancia la guida sul caffè torinese: collabora anche il Guardian

Tra i tanti progetti che Vergnano 1882 si appresta ad avviare per questo 2018, uno dei più interessanti è sicuramente “Torino Coffee First“.
Si tratta di un interessante volume, che tratterà le torrefazioni, la storia e le curiosità riguardanti il caffè torinese. Uno dei settori storicamente ed economicamente più importanti della nostra città, che ha permesso a Torino di collezionare primati e successi negli anni.
Torino Coffee First” sarà curata da Mina Holland, la food editor del Guardian. Il quotidiano britannico ha già avuto modo di trattare le eccellenze italiane e torinesi.
La guida su Torino uscirà ad aprile e seguirà quella su Roma. A breve, però, si proseguirà con altre città italiane. Si parla già di un possibile libro su Napoli.

I risultati degli ultimi anni e i progetti di espansione

Vergnano 1882 sembra godere di ottima salute. La sola divisione delle caffetterie ha portato ricavi per 5,3 milioni di euro nel 2017, facendo registrare un +30% rispetto ai 4 milioni ricavati nel 2016.
Il bilancio 2017 si chiuderà con un aumento del 5% rispetto agli 82,5 milioni di euro del 2016. Nell’anno appena concluso sono stati commercializzati 170mila chili di caffè.
Per l’anno appena cominciato, l’azienda di Chieri ha in programma l’aumento dell’export e l’apertura di nuovi coffee shop. L’espansione degli affari verso l’estero dovrà superare il 15%: si punterà con insistenza su mercati come Stati Uniti, Francia, Germania e Giappone.
I coffe shop, invece, saranno aperti sia in Italia che all’estero. Sono previste 20 nuove aperture, di cui 12 nel nostro Paese e 8 in giro per il mondo. Tra questi spiccano quello di Stoccolma (all’interno di Eataly), Nizza, Qatar, Monaco, Dammam, Bucarest, Amsterdam e Phnom Penh, Laos e Vietnam. Saranno inoltre effettuati 11 restyling sui 137 punti vendita totali, aperti in 18 anni.
Le manovre riguarderanno anche e soprattutto il settore Horeca (Hotel, ristoranti e catering). Saranno puntati, in questo a caso, nuovi orizzonti, come Paesi in cui Vergnano non è ancora presente. Ma non solo: l’azienda proverà a rafforzare la propria presenza nelle regioni italiane dove è poco strutturata. In questo senso, saranno fatti maggiori investimenti in Campania, Veneto e Friuli Venezia Giulia.
Infine, sarà finalmente aperta l’Accademia Vergnano. Sorgerà a Chieri, dove nacque lo zio Pinin, il fondatore. Sarà un centro certificato Specialty Coffee Association. Qui, uno staff di 15 persone spiegherà l’arte del caffè a tutti coloro che vi si recheranno, sia amatori che professionisti. Saranno disponibili lezioni sulla macinatura e sulla corretta preparazione della bevanda, seminari di marketing, convegni sulla di gestione dei punti vendita e molto altro. Sarà un’espansione dell’academy nata nel 2005 all’interno dello stabilimento Vergnano di Santena. Un’ulteriore salto di qualità che certifica la crescita di questa eccellenza piemontese.

Commenti

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here