Home Articoli HP Salute, scoperti nuovi strumenti per prevenire l’Alzheimer a Torino: uno smartphone e...

Salute, scoperti nuovi strumenti per prevenire l’Alzheimer a Torino: uno smartphone e occhiali speciali

1301
SHARE

Salute, scoperti nuovi strumenti per prevenire l’Alzheimer a Torino: uno smartphone e occhiali speciali che studiano movimenti e vista dei pazienti

Un altro grande traguardo nel settore sanitario potrebbe riguardare il nostro territorio: sono stati scoperti nuovi strumenti per prevenire l’Alzheimer a Torino.
Parliamo di un paio di occhiali avveniristici e di uno smartphone. Oggetti che, a primo impatto, non sembrerebbero in grado di far fronte a un simile problema di salute, ma che in realtà nascondo potenzialità interessanti.
 
Nell’ambito del progetto internazionale My-Aha (My Active and Healthy Ageing), la Città della Salute ha portato avanti importanti studi che prevedono la sperimentazione di un particolare metodo per combattere l’Alzheimer. Non si tratta di una una cura successiva al manifestarsi della patologia, ma di una cura preventiva, in grado di coinvolgere i pazienti che rischiano di svilupparla. L’effetto principale è il rallentamento dello sviluppo della malattia.
Una prima fase sperimentale prevede la selezione di 600 pazienti in tutta Europa. Solo alle Molinette saranno 80 le persone che prenderanno parte a questo percorso.
Per mettere in pratica il tutto, le strutture si dovranno avvalere dell’utilizzo di occhiali che registrano i movimenti di corpo, testa e occhi. Tutti elementi che, con l’età, mostrano cambiamenti evidenti. Gli smartphone in dotazione, invece, saranno semplici telefoni cellulari, dotati di giochi di memoria. Questi ultimi dovranno essere utilizzati dai pazienti, le cui performance verranno registrate e inviate a un sistema, che analizzerà i risultati. Anche da esse, i medici potranno trarre le proprie conclusioni.
La scoperta di questi strumenti per prevenire l’Alzheimer a Torino rappresenta un ottimo punto di partenza per evitare la diffusione e l’aggravamento della patologia. Scoperte sulle quali bisognerà lavorare a lungo per fornire ai soggetti a rischio un buon percorso di prevenzione.

Commenti

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here