Home Articoli HP Aumentano le pietre d’inciampo a Torino: il 18 gennaio saranno posate altre...

Aumentano le pietre d’inciampo a Torino: il 18 gennaio saranno posate altre otto “Stolpersteine”

2864
SHARE
Tempo di lettura: 1 minuto

In arrivo altre pietre d’inciampo a Torino: il 18 gennaio saranno posate otto “Stolpersteine”

Per il quarto anno consecutivo, saranno posate le pietre d’inciampo a Torino.

A ottant’anni dall’entrata in vigore delle leggi razziali, la Comunità Ebraica di Torino ricorda gli orrori di una delle pagine più brutte della storia recente dell’intero Continente.

La tradizione, avviata nel 2015 e portata avanti in questi anni, prosegue anche nel 2018 e giovedì 18 gennaio vedrà la posa di altre otto “Stolpersteine“. Queste ultime sono realizzate in ottone dall’artista tedesco Gunter Demnig. Vi sono riportati i nomi dei caduti dell’Olocausto e sono grandi quanto le pietre che rivestono la superficie di strade e marciapiedi.

L’iniziativa è sostenuta dal Museo Diffuso della Resistenza, dal Polo del 900, dalla Comunità ebraica di Torino, dal Goethe Institut e dall’ANED Torino.

Luoghi in cui saranno posate le pietre

Sono già 85 le pietre d’inciampo a Torino. L’aggiunta di queste altre otto mattonelle permetterà alla città di toccare quota 93 targhe. Il capoluogo piemontese è il secondo comune in Italia per numero di “Stolpersteine“. Solo Roma ne ha di più. In Europa, le targhette sono circa 85mila e sono distribuite in un totale di 1100 città.

La prima pietra sarà posata proprio da Demnig, in corso Vittorio Emanuele II 70. Sarà dedicata all’ingegner Umberto Nizza. Nelle vicinanze troveranno posto anche le targhette intitolate ai coniugi Teodoro Sacerdote e Rosetta Fubini.

Correlato:  Torino, l'abbattimento dei platani di corso Grosseto fa infuriare residenti e commercianti

Giovanni Bini avrà una pietra d’inciampo proprio davanti a quella che fu casa sua, in corso Spezia 55, così come Moise Adolfo Cremisi. Quest’ultimo sarà ricordato con una targhetta di fronte alla sua casa, situata in via Principe Tommaso 11.

Infine, Remo Obbermito sarà omaggiato in via Mazzini 33.

Per eventuali informazioni su orari e modalità di partecipazione, è possibile consultare il sito www.museodiffusotorino.it.



Commenti

SHARE